Zlatan Ibrahimovic avrebbe ucciso un leone in Sud Africa nel 2011: "E 'un miserabile codardo". Dai giorni scorsi Zlatan Ibrahimovic è sotto i riflettori delle associazioni per la protezione degli a...

Zlatan Ibrahimovic avrebbe ucciso un leone in Sud Africa nel 2011: "E 'un miserabile codardo".

Animali e Natura postato da dagata || 13 giorni fa

Zlatan Ibrahimovic avrebbe ucciso un leone in Sud Africa nel 2011: "E 'un miserabile codardo". Dai giorni scorsi Zlatan Ibrahimovic è sotto i riflettori delle associazioni per la protezione degli animali di tutto il mondo. La ragione? I media svedesi affermano che il 39enne attaccante dell'AC Milan ha ucciso per divertimento un leone in Sud Africa nel 2011. È stato il tabloid svedese Expressen a sganciare la bomba lo scorso fine settimana. La rivista ha rivelato che Zlatan ha ucciso un leone dieci anni fa in Sud Africa. L'attaccante del Milan sarebbe stato autorizzato a macellare l'animale allevato in cattività grazie ad una licenza di caccia ottenuta un anno prima. Ricorda che in Sud Africa è legale e diffuso cacciare i leoni allevati appositamente in recinti. Ibrahimovic è stato pesantemente criticato in Svezia, poiché avrebbe poi fatto spedire il cranio, lo scheletro, la mascella e la pelle della sua preda a casa sua a Malmö. L'associazione per i diritti degli animali PETA ha espresso la sua rabbia. “Zlatan Ibrahimovic ama definirsi un 'leone' feroce e forte. Ma il fatto che gli piaccia sparare ai leoni e ad altri animali dimostra che è un miserabile codardo che cede alle sue tendenze violente ", ha detto l'associazione in una nota.“Non ci vuole abilità o forza per mettere all'angolo e massacrare un animale in cattività. L'animale non ha mai avuto l'opportunità di scappare, difendersi o sopravvivere. Chiunque abbia una coscienza rabbrividirebbe al pensiero di uccidere animali per divertimento o di esporre parti del proprio corpo. Ibrahimovic dovrebbe riconoscerlo e disapprovare la " caccia al trofeo " ", ha aggiunto PETA. Lo svedese è appena tornato alla selezione per l'euro il prossimo giugno. Ora si trova al centro di una polemica di cui avrà difficoltà a sbarazzarsi. Contattato dai media, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” , Zlatan non ha voluto commentare per il momento.