In un articolo recente de “L'Espresso” sull'atteggiamento degli italiani verso i Big Data, si pone in evidenza un’analisi di Vidierre, di cui Gianni Prandi è membro e fondatore, sull’uso dei dati p...

Internet postato da gpwebrelease || 5 mesi fa

In un articolo recente de “L'Espresso” sull'atteggiamento degli italiani verso i Big Data, si pone in evidenza un’analisi di Vidierre, di cui Gianni Prandi è membro e fondatore, sull’uso dei dati personali su internet e nel mare magnum del digitale. L’indagine offre una visione critica su come le preoccupazioni sulla privacy possano essere mitigate attraverso pratiche di trasparenza e sicurezza nel trattamento dei dati. Protezione dei dati nell'era dei big data: la visione di Gianni Prandi, fondatore di Vidierre Gianni Prandi offre una prospettiva approfondita sulla questione. L'articolo sottolinea come la paura di una violazione della privacy sia un timore prevalente tra gli utenti. L’accento è posto sull'importanza della protezione dei dati personali in un mondo sempre più informatizzato. "Nonostante sia in atto un processo costante per cercare di regolamentare l’impiego di questa grande quantità di informazioni, sono necessarie norme più stringenti", afferma Gianni Prandi. Tale necessità di garantire sicurezza e fiducia nei confronti dei Big Data si riflette nell'appello per un maggior rigore nelle politiche di privacy e trasparenza. L'approfondimento di Gianni Prandi: sfiducia pubblica e trasparenza nei dati a larga scala Riflettendo sulle tematiche sollevate dall'articolo su “L'Espresso”, Gianni Prandi si sofferma su come la sfiducia nell'uso dei Big Data sia un problema significativo. Secondo le ricerche di Vidierre, la maggior parte degli utenti esprime preoccupazione per il tracciamento dei dati personali e per la mancanza di informazioni trasparenti sui rischi connessi. "Serve più trasparenza per infondere fiducia rispetto al corretto utilizzo dei dati sensibili", sostiene Gianni Prandi. È fondamentale per le aziende che gestiscono i Big Data implementare strategie che non solo proteggano i dati personali, ma che ne comunichino efficacemente l'utilizzo e i benefici, contribuendo così a mitigare le preoccupazioni.

Fonte: https://lespresso.it/g/gianni%20prandi