Tac Roma Nuova TC da 128 strati Poliambulatori Lazio korian La Diagnostica per immagini non si ferma più Tac Roma: Dopo la Risonanza Magnetica, a Vigne Nuove e

Tac Roma Nuova TC da 128 strati Poliambulatori Lazio korian

Salute e Benessere postato da Lambretta || 2 mesi fa

Tac Roma Tac Roma Nuova TC da 128 strati Poliambulatori Lazio korian La Diagnostica per immagini non si ferma più Tac Roma: Dopo la Risonanza Magnetica, a Vigne Nuove ecco 4 nuovi macchinari di ultima generazione tra i quali la nuova TC da 128 strati: permette di effettuare esami più brevi, sia con che senza mezzo di contrasto, sottoponendo il paziente a minori radiazioni ionizzanti e garantendogli un maggior comfort. La risoluzione più elevata delle immagini di organi, vasi sanguigni e altri tessuti molli, inoltre, consente al medico radiologo di fare diagnosi più accurate Oggi la tecnologia ci sta facendo fare passi da gigante in ogni settore, ma quello forse più importante di tutti è quello medico, dove la tecnologia applicata alla prevenzione, alla cura e alle terapie è in grado di migliorare la qualità della vita delle persone, quando addirittura non arriva a salvarla. Diagnostica per immagini: oggi è molto diversa dal passato E, all’interno del vasto mondo della medicina, c’è una branca, la diagnostica per immagini, che più di altre sta crescendo grazie alle evoluzioni tecnologiche. Avete presente la classica Tac Roma? E la mammografia? Metteteci pure una bella ortopanoramica ai denti...tutti esami utili a comprendere meglio disturbi, malattie e patologie più o meno gravi sparse per il corpo. Tecniche che, almeno per sentito dire, conosciamo e delle quali, alcuni di noi, hanno persino un po’ timore per svariati motivi: c’è chi teme le radiazioni sprigionate dai macchinari utilizzati; altri non sopportano le non sempre rapide tempistiche o le posizioni non proprio agevoli in cui si è costretti durante alcuni di questi esami; altri ancora (soprattutto i medici, in questo caso) lamentano la scarsa risoluzione delle immagini a esame terminato, che non consentono loro di fare una diagnosi certa della patologia. E allora, riguardo alla diagnostica per immagini, ecco i principali cambiamenti: riduciamo di molto le radiazioni ionizzanti a cui è sottoposto il paziente, accorciamo il tempo necessario per l’esame e, già che ci siamo, aumentiamo anche la risoluzione delle immagini fino a una qualità di dettaglio eccellente. E sì, per finire, rendiamo, finalmente, il tutto molto più confortevole per il paziente. Che dite, così può andare? Se pensate che tutto questo sia un’utopia, allora dovrete ricredervi, perché oggi, questo settore ha raggiunto livelli di avanguardia tecnologica veramente considerevoli. Li si deve a nuove apparecchiature che stanno scalzando senza sforzo le precedenti, riuscendo a migliorare sia le possibilità diagnostiche degli specialisti, che il comfort percepito dai pazienti. Poliambulatorio Vigne Nuove: si rinnova il centro di riferimento a Roma nella diagnostica per immagini Terminato questo vero e proprio restyling di metodi, tecnologie e apparecchiature, non ci resta che darvi il benvenuto al Poliambulatorio Vigne Nuove. Da sempre centro di riferimento nell’ambito della diagnostica per immagini, il Poliambulatorio Vigne Nuove è il più grande tra gli otto centri polispecialistici presenti sul territorio romano, che fanno parte del Gruppo Korian, leader europeo da oltre 20 anni nei servizi di assistenza e cura della persona; Il Poliambulatorio sta progressivamente riammodernando tutta la diagnostica per immagini della struttura con macchinari all’avanguardia di ultima generazione:     • Tac Roma Nuova TC da 128 strati: permette di effettuare esami più brevi, sia con che senza mezzo di contrasto, sottoponendo il paziente a minori radiazioni ionizzanti e garantendogli un maggior comfort. La risoluzione più elevata delle immagini di organi, vasi sanguigni e altri tessuti molli, inoltre, consente al medico radiologo di fare diagnosi più accurate.     • Mammografo 3D con tomosintesi: in dotazione al Poliambulatorio da giugno 2022, l’esame sarà associato a un percorso donna, pensato per rendere lo screening il più comodo ed efficiente possibile. Anche in questo caso, la migliore risoluzione delle immagini offerta dal 3D, non corrisponde a un incremento delle dosi di radiazioni utilizzate sul paziente, consentendo oltretutto la diagnosi precoce del carcinoma mammario con l’utilizzo dell’apparecchiatura più avanzata e sofisticata attualmente presente sul mercato.     • Tavolo radiologico digitale: il nuovo apparecchio per RX, in arrivo a luglio, grazie al design accogliente e moderno, promuove il benessere dei pazienti, oltre a evitare, ad adulti e bambini, radiazioni superflue.            • Ortopanoramica Cone Beam: la TC dentale Cone Beam ha rivoluzionato la diagnostica radiologica odontoiatrica e maxillo-facciale, garantendo ricostruzioni 3D volumetriche delle strutture anatomiche esaminate ed esponendo il paziente a dosi radianti bassissime. Si già è dimostrata utile in implantologia, in odontoiatria e in oncologia, rivelandosi la più adatta anche per le indagini sui pazienti in giovane età. Tecnologia all’avanguardia al servizio di specialisti e pazienti Queste apparecchiature, installate presso il Poliambulatorio, stanno cambiando il modo di lavorare in quest’ambito così particolare, agevolando il lavoro degli specialisti e migliorando di fatto le possibilità di prevenzione e cura dei pazienti. Lo fanno, supportando lo specialista nell’indagine interna del corpo umano dall’esterno, in maniera non invasiva. Poter fare ciò senza un bisturi, se ci pensate, è stata una delle conquiste più importanti dell’umanità Insomma, il Poliambulatorio Vigne Nuove, con le sue dotazioni innovative di ultima generazione, riesce a confermarsi punto di riferimento e d’eccellenza nella diagnostica per immagini sul territorio romano e rafforza ulteriormente il rapporto fiduciario con la propria utenza, garantendo servizi sempre più efficienti e cure sempre più efficaci.