Sette migranti si nascondono in un container per raggiungere Milano, i loro corpi ritrovati in Paraguay.I corpi senza vita di sette migranti dal Nord Africa sono stati scoperti in un container ad...

Sette migranti si nascondono in un container per raggiungere Milano, i loro corpi ritrovati in Paraguay

Italia postato da dagata || 14 giorni fa

 

Sette migranti si nascondono in un container per raggiungere Milano, i loro corpi ritrovati in Paraguay.I corpi senza vita di sette migranti dal Nord Africa sono stati scoperti in un container ad Ansuncion, in Paraguay, il 23 ottobre. Lo riporta il quotidiano inglese The Guardian. Quattro mesi prima, a Sid, in Serbia, avevano preso posto in questa contenitore di metallo, sperando di raggiungere la città di Milano. Il loro viaggio ha preso una svolta drammatica.

 

 

 

Lo scorso luglio sette clandestini sono saliti a bordo di un container montato su un treno merci nella città di Sid, cittadina serba nell'estremo nord-ovest del Paese, a circa cinque chilometri dal confine croato. Nascosti in un minuscolo spazio tra il carico di fertilizzanti e il tetto del container, i sette uomini prevedevano di raggiungere Milano, in Italia, via Zagabria. Invece, il treno è andato a Fiume, una città portuale croata, dove il container è stato trasferito su una nave. Attraverso l'Egitto, poi la Spagna, attraversando l'Oceano Atlantico, fu trovato quattro mesi dopo ad ... Asuncion, in Paraguay, con i corpi senza vita dei sette uomini, forse morti per soffocamento.Secondo gli investigatori locali, il poco cibo trovato nel contenitore (biscotti, bottiglie d'acqua e alcune lattine) - sufficiente per sole 72 ore - è un segno che pensavano di intraprendere un viaggio relativamente breve. Sulla scena sono stati trovati anche vestiti e telefoni cellulari. L'avanzato stato di decomposizione dei corpi ha reso difficile l'identificazione delle vittime, ancora in corso, così come l'autopsia dei corpi. In Serbia si sono fatti avanti gli amici di questi uomini, tra cui Smail Maouch, un algerino che attualmente si trova in un campo profughi nella città serba di Šid. Afferma di aver trascorso più di un anno nel campo con alcuni degli uomini che ha identificato come Zugar Hamza e Sidahmed Ouherher, due algerini, Ahmed Belmiloudi, Said Rachir, Rachid Sanhaji e Mohamed Hadoun, dal Marocco, e Yessa Aymen, egiziano lui.Secondo lui, Zugar Hamza lo aveva contattato telefonicamente a luglio per chiedergli di fare con lui il viaggio di 900 km a Milano. A quel tempo, Maouch era in Bosnia dopo non aver attraversato il confine croato. “Quando sono stati via per giorni, sapevo che non sarebbero arrivati in Italia. Ero sicuro che fossero morti ", dice. Sempre secondo Maouch, non è la prima volta che i migranti si ritrovano intrappolati in questo modo, con container che non raggiungono la meta sperata. Tuttavia, spesso riescono a suonare l'allarme in tempo. La madre di Sidahmed Ouherher, una delle vittime, è apparsa alla televisione algerina per chiedere il rimpatrio dei resti dei corpi. Ciò potrebbe richiedere del tempo, tuttavia, poiché l'identificazione da parte delle autorità paraguaiane è ancora in corso. Due uomini, che avrebbero "rinchiuso" i sette migranti nel container, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. nel frattempo sono stati arrestati in Serbia per tratta di esseri umani.