Un altro risultato televisivo per il VMA (Village Music Academy), diretto dagli avvocati Concetta e Pietro Petti e dal maestro Vincenzo Capasso, che hanno portato in TV per l’ennesima volta un’arti...

La rivincita artistica di Giovanna Maria Sorrentino e del VMA dopo la grande esperienza a The Voice Senior

Musica postato da allmusicnews || 30 giorni fa

Un altro risultato televisivo per il VMA (Village Music Academy), diretto dagli avvocati Concetta e Pietro Petti e dal maestro Vincenzo Capasso, che hanno portato in TV per l’ennesima volta un’artista della loro scuderia, questa volta a The Voice Senior. Lei è Giovanna Maria Sorrentino, approdata nella finale della prima edizione di “The Voice Senior”, andata in onda in prima serata su Raiuno nel programma condotto da Antonella Clerici. In giuria Gigi D’Alessio, Loredana Bertè, Clementino, Albano e la figlia Jasmine. Giovanna, con la sua straordinaria voce, ha conquistato subito, fin dalla sua prima esibizione, la sua coach Bertè, che l’ha ribattezzata la Amy Winehouse italiana, ed il numeroso pubblico, che ha seguito le cinque puntate. Giovanna, 59 anni, è una docente di religione da 35 anni. Separata da 5 anni, ha 3 figli meravigliosi, due femmine di 29 e 28 e un maschio di 21 anni. Svolge la sua attività di insegnante, presso l’Istituto Alberghiero Ignazio e Vincenzo Florio di Erice (Trapani). Delusa e reduce dal fallimento di un matrimonio, dove ne esce distrutta per la mancata considerazione e stima da parte di un marito che l’ha continuamente demoralizzata e tappato le ali, prende la sua rivincita su Raiuno. Le sue performances, la sua forte personalità, il suo modo di tenere il palcoscenico, ha emozionato tutti. Ha cantato “incantando” sia il pubblico che la giuria. L’avvocata Petti e il maestro Capasso sono emozionati e soddisfatti dell’ennesimo risultato raggiunto specie in un periodo difficile come questo che si vive per l’emergenza Covid. “L’essere riusciti, seppure con tante difficoltà, ad operare e a farlo anche a grandi livelli è fonte davvero di un duro a costante lavoro svolto senza sosta e con professionalità – sottolineano Petti e Capasso – ora il prossimo passo sarà un format web, che partirà a febbraio con alla guida un noto speaker radiofonico”. Dunque il 2021 sembra celare per il VMA e i loro artisti altre grandi soddisfazioni per contratti conclusi e progetti artistici che prenderanno il via.