La Cassazione. Condominio, le telecamere installate che inquadrano anche il portone d'ingresso vanno rimosse. Ecco i paletti a tutela della privacy fissati dalla Cassazione: l'angolo di ripresa del...

La Cassazione. Condominio, le telecamere installate che inquadrano anche il portone d'ingresso vanno rimosse

Attualità postato da dagata || 28 giorni fa

La Cassazione. Condominio, le telecamere installate che inquadrano anche il portone d'ingresso vanno rimosse. Ecco i paletti a tutela della privacy fissati dalla Cassazione: l'angolo di ripresa dell'apparecchio deve essere sempre limitato alla proprietà di chi lo ha installato senza invadere spazi di altri privati Niente telecamere "fai da te" che inquadrano la anche il portone d'ingresso. L'angolo di ripresa dell'apparecchio, infatti, deve essere sempre limitato alla proprietà di chi lo ha installato senza invadere spazi di altri privati. Lo ha ricordato la Cassazione con l’ordinanza 10925/2024 pubblicata il 23/04/2024 dalla seconda sezione civile in una lite tra vicini che ha riguardato non solo la legittimità o meno dell'installazione della telecamera ma anche il contenuto di una servitù di passaggio. Una coppia aveva convenuto in giudizio l'odierno ricorrente in Cassazione chiedendo che fosse accertato che il loro fondo non era gravato da servitù di passaggio veicolare né di parcheggio, ma solo da servitù di passaggio pedonale, con accesso da un cancello e che il convenuto fosse condannato a rimuovere una telecamera di sorveglianza installata sul balcone e puntata in direzione del portone d'ingresso. Il tribunale ha rigettato le domande ma la corte d'appello di Campobasso ha accolto in parte l'impugnazione. In particolare il collegio di secondo grado ha confermato la libertà del fondo degli attori da servitù di passaggio carrabile e di parcheggio e affermato l'esistenza di una servitù di passaggio pedonale. Inoltre ha condannato il convenuto a rimuovere la telecamera. La controversia è così giunta in Cassazione dove l'originario convenuto ha contestato entrambe le conclusioni. In merito alla servitù ha sostenuto che il collegio non avrebbe valutato con attenzione il contenuto della servitù di transito. Il collegio di merito, infatti, non aveva valutato che la sua dante causa, quando gli era stato impedito il passaggio veicolare, aveva agito in via possessoria ottenendo tutela. In relazione invece alla rimozione della telecamera ha sostenuto che la sua installazione non integra il delitto di interferenze illecite nella vita privata. Ad avviso degli Ermellini, infatti, di cui ha scritto il sito Cassazione.net, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, il motivo è fondato e, al riguardo, rincarando la dose hanno spiegato che “La corte di merito non ha valutato se il termine transito indicato nell'atto abbia voluto intendere passaggio solo pedonale o anche veicolare. Sul punto è quindi necessario rinviare al giudice per un nuovo esame della vicenda. Diversa è stata invece la soluzione per quanto riguarda la telecamera. L'apparecchio infatti, secondo quanto riportato nella decisione di merito, inquadra il portone di ingresso all'intero condominio e viola quindi le disposizioni di materia di tutela della privacy”.