Non c’è dubbio che i settori dell’arredamento e del design occupino un posto privilegiato tra le eccellenze del made in Italy. Nella progettazione e realizzazione dell’interior design made in Italy...

L’interior design made in Italy cresce con l’artigianato di qualità

Economia postato da AleLonghi || 1 anno fa

Non c’è dubbio che i settori dell’arredamento e del design occupino un posto privilegiato tra le eccellenze del made in Italy. Nella progettazione e realizzazione dell’interior design made in Italy, creatività e innovazione si coniugano alla qualità e alla cura artigianale.

Lo stile e il “saper fare” del design italiano sono dei punti di riferimento a livello globale e dimostrano tutto il valore di una filiera, quella dell’arredamento, in grado di vincere qualsiasi sfida nel mercato internazionale.

 

Arredo di design: Europa e Italia a confronto

In Europa il settore dei mobili per la casa va a vele spiegate: il totale del fatturato 2018, secondo i dati di Statista è stato di quasi 215 miliardi, generato per poco meno della metà da arredi per sale da pranzo, soggiorni e salotti, circa un terzo da mobili per la camera da letto, e la restante parte - poco più del 20% - da cucine. Nel 2023 lo stesso istituto tedesco prevede il fatturato complessivo in crescita a 234 miliardi, con un incremento del 9% in cinque anni.

Anche in Italia l'arredo di design è un settore di successo, con quasi 30mila aziende e un fatturato di 27,4 miliardi di euro nel 2018 (dati FederlegnoArredo). I brand più prestigiosi del mobile Made in Italy si concentrano tra il Comasco e la Brianza, il più antico distretto italiano del mobile, con oltre 1.500 realtà produttive, che nel 2017 hanno generato 1,8 miliardi di euro.

Il mercato mondiale è inoltre sempre più attento alla qualità dei prodotti. Se infatti, secondo la survey Statista Global Consumer 2018, il 22% degli utenti internet mondiali sono interessati all’interior design, il 17% comprerebbe anche beni di lusso. Le imprese italiane, infatti, fanno leva proprio sulle produzioni di lusso per distinguersi in un panorama internazionale caratterizzato dal mercato di massa del design. Il “saper fare” dell'artigiano, quindi, sembra proprio avere ancora un futuro.

 

Un caso emiliano: Poligoni Design

Una case history ci aiuta a capire come la qualità artigianale del made in Italy applicata agli arredi di design possa avere grande successo e vendere anche oltreoceano. Parliamo di Poligoni Design, piccola azienda artigiana di Fidenza (Parma), che progetta e realizza arredi di design e oggetti di culto per la cucina.

Nata nel 2014 dal cuore de L’Artigiana, specializzata nella fornitura di affettatrici, macchine per la lavorazione degli alimenti e ambienti professionali per ristoranti e bar, Poligoni Design si contraddistingue subito per la ricercatezza delle idee e per la cura dei dettagli.

Le 4 linee che compongono il catalogo di Poligoni Design – Re-Life, Tomaga Industries, Unicum e Metalkrea – sono uniche e si sposano con facilità con qualsiasi tipo di ambiente: dal classico al moderno, dal rustico al kitch, dal minimal al barocco.

I complementi di arredo, tutti pezzi unici, sono ricavati da oggetti provenienti dal passato e con funzioni totalmente differenti rispetto a quella finale. Ecco che una vecchia valigia in pelle diventa una poltrona o un pouf, una vasca da bagno si trasforma in un salotto, gli scarti della lavorazione dell’acciaio diventano vasi spettacolari e sedute da esterno.

Poligoni Design è approdato da poco su Artemest, l’e-commerce che promuove e vende nel mondo i prodotti di design del made in Italy.