Stai ristrutturando casa o ne hai comprata una nuova? Tra le tante cose a cui dovrai badare, ricordati che non è solo l’arredamento a creare la giusta atmosfera, bensì anche l’illuminazione. Capire...

Utilità postato da Rosalba Mori || 1 mese fa

Stai ristrutturando casa o ne hai comprata una nuova? Tra le tante cose a cui dovrai badare, ricordati che non è solo l’arredamento a creare la giusta atmosfera, bensì anche l’illuminazione. Capire quale tipo di sistema di illuminazione installare in ogni stanza non è semplice, quindi prenditi il tuo tempo per riflettere e chiedi un parere a degli esperti se necessario.

Sì, perché non si tratta solo di scegliere il modello che più ci piace e che meglio si abbina allo stile dei mobili. Bisogna studiare la configurazione degli ambienti, capire di quanta luce necessitano e in quali punti specifici. Solo dopo un’osservazione di questo tipo è possibile capire quali strategie adottare per valorizzare al meglio gli ambienti e gli elementi di spicco che inseriamo in essi.

La gamma di prodotti tra cui poter scegliere è davvero infinita, variano le tipologie di strutture, gli stili e i colori e avere le idee ben chiare aiuta a non sentirsi disorientati. Applique in stile vintage, lampadari moderni, plafoniere a led, piantane industriali, lampade da tavolo shabby chic e faretti di ogni genere.

Vi sentite confusi? Non preoccupatevi, vi guideremo verso la scelta del sistema di illuminazione che fa al caso vostro.

 

Lampada o applique?

Questo dilemma lo si può risolvere al meglio solo valutando le caratteristiche dell’ambiente in cui bisogna installare un determinato sistema di illuminazione, il contesto, lo stile e gli scopi dell’illuminazione stessa. Quindi, per scegliere se installare una lampada o un’applique è necessario considerare fattori pratici e funzionali oltre che estetici.

Uno degli aspetti più importanti è l’altezza dell’ambiente. Se la stanza è dotata di soffitti molto alti essa richiede un sistema di illuminazione molto potente che possa garantire un’adeguata luminosità, mentre se si tratta di un ambiente con un soffitto basso è consigliabile limitare la potenza dell’illuminazione e puntare su una lampada di modeste dimensioni o su delle applique che creino un’atmosfera accogliente e rilassante.

Inoltre, se la stanza avesse un arredamento importante, ricco di elementi, sarebbe opportuno scegliere delle applique per non appesantire la stanza, se, invece, ci troviamo in un ambiente con pochi mobili possiamo puntare su dei lampadari più vistosi, che fungano anche da veri e propri elementi d’arredo.

Questo, tuttavia, non significa che in una stanza già dotata di un lampadario non si possano installare anche delle applique. Spesso optare su un doppio sistema di illuminazione è una scelta vincente perché permette di mettere in luce angoli ed elementi che altrimenti non verrebbero valorizzati e consente anche di scegliere il grado di luminosità della stanza in base alle esigenze.

 

Dove posizionare le applique

Le applique sono dei sistemi di illuminazione molto versatili. Esse possono essere inserite in ogni stanza, sia essa un corridoio, un soggiorno, una camera da letto o un bagno. Ma a quale altezza vanno posizionate e in quale punto della parete?

Per rispondere a questa domanda bisogna considerare le caratteristiche strutturali dell’ambiente e la funzione a cui sono destinate.

Una delle regole fondamentali è quella di non installare mai delle applique ad altezza occhi. Esse vanno posizionate sempre ad un’altezza superiore all’occhio per non avere un fastidioso effetto abbagliante. Questa è una regola molto generale, ma bisogna considerare dei casi specifici. Se si decide di utilizzare delle applique per illuminare un elemento come un quadro o una scultura, si può fissare questa tipologia di luce ad un’altezza inferiore o superiore dell’elemento da mettere in risalto, in modo da creare dei fasci di luce che si indirizzino direttamente sull’oggetto di riferimento, senza disturbare la vista di chi guarda.

In altri casi ancora, le applique possono essere installate ad un’altezza molto bassa. Questo è il caso in cui esse vengono utilizzate in sostituzione delle abat-jour sul comodino.

Come potete notare non ci sono delle regole fisse a cui fare riferimento, ma queste linee guida sono strategiche per indirizzarvi in una scelta consapevole e ottimale.

Fonte: https://www.lucillaplace.it/tipologia/applique/stile-2/applique-vintage/