Alabama, divorato dal rimorso, malato terminale, confessa un omicidio avvenuto nel 1995. Un malato terminale avrebbe chiamato la polizia sostenendo di essere responsabile di un caso di omicidio a...

Alabama, divorato dal rimorso, malato terminale, confessa un omicidio avvenuto nel 1995.

Italia postato da dagata || 12 giorni fa

 

Alabama, divorato dal rimorso, malato terminale, confessa un omicidio avvenuto nel 1995. Un malato terminale avrebbe chiamato la polizia sostenendo di essere responsabile di un caso di omicidio a freddo che ha impegnato gli investigatori per 25 anni.

 

 

 

Un malato terminale dell'Alabama ha chiamato la polizia per confessare un omicidio che ha impegnato gli investigatori per 25 anni. Lo riferisce la polizia. Johnny Dwight Whited, 53 anni, mercoledì ha confessato a un detective della polizia di Decatur di essere responsabile dell'uccisione nel 1995 di Christopher Alvin Dailey, morto per una singola ferita da arma da fuoco alla testa. Lo riferisce il portavoce del dipartimento di polizia postando la notizia sulla pagina Twitter della Decatur, AL Police. "Nonostante le indagini estese, un sospetto non è mai stato individuato nel caso", ha dichiarato giovedì la polizia in una conferenza stampa. "Negli anni seguenti, il caso è stato rivisto più volte per i COLD CASE."  Ma nulla si è mai materializzato fino a quando Whited non ha deciso di pulirsi la coscienza di aver ucciso il 26enne Dailey. In seguito si è incontrato con gli investigatori e ha fornito informazioni corrispondenti alle prove sul caso. Whited, di Trinity, era "pieno di rimorso. Era imbarazzato per certe cose", ha raccontato un detective ai giornalisti. Le autorità hanno detto che Whited e Dailey non si conoscevano e a quanto pare non vi è un movente. Whited è "malato terminale", hanno riportato i giornali nella notizia. L'avvocato di Whited, Griff Belser, ha rifiutato di commentare, dicendo al Times che voleva incontrare il suo cliente prima di discutere la sua confessione per l'omicidio del 1995. Whited, che è stato accusato di omicidio, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, venerdì è entrato in carcere. Per lui è stata fissata una cauzione di 15.000 dollari senza condizioni. La prossima udienza in tribunale non è stata ancora fissata.