La malattia parodontale è una patologia cronica del “sistema parodontale” caratterizzata da infiammazione gengivale, formazione di tasche parodontali, mobilità dentaria, riassorbimento dell’osso...

La Malattia Parodontale

postato da modenbro il 09/03/2017
Categoria: Alimentazione - tags: parodontale

La malattia parodontale è una patologia cronica del “sistema parodontale” caratterizzata da infiammazione gengivale, formazione di tasche parodontali, mobilità dentaria, riassorbimento dell’osso alveolare con perdita, negli stadi più avanzati,degli elementi dentari.

Gengivite

"La gengivite è una patologia infiammatoria dei tessuti molli di sostegno dei denti (gengiva marginale);si manifesta con sanguinamento spontaneo e/o al sondaggio, ipertrofia gengivale,edema, assenza di tasca parodontale; riconosce un’eziologia multifattoriale soprattutto batterica con l’interazione di tre cofattori principali: suscettibilità dell’ospite, fattori ambientali e comportamentali .

Se Trattata,È Reversibile

Il paragrafo sopracitato è tratto dalle Linee Guida del Ministero della Salute, per chiarezza specifichiamo che la gengivite fa parte della malattia parodontale e proseguendo diviene parodontite.

Gengivite e parodontite sono "fasi" della malattia parodontale. L'importanza differenza è che la gengivite se curata non lascia strascichi  di tipo anatomico, ovvero non lascia perdite di osso al contrario la parodontite sì.

La gengivite si cura utilizzando tecniche e presidi di igiene domiciliare adeguati, in alcuni casi può essere necessaria un'igiene professionale e relative istruzioni di mantenimento per ottenere un risultato più rapido (Laser in odontoiatria).

Laser E Parodontite

Malgrado quello che si potrebbe pensare effettuando una ricerca sul Web sembrerebbe una terapia superiore. In realtà il laser negli studi scientifici di confronto non ha prodotto significativi benefici rispetto al suo non impiego.

Il Laser attualmente se ben utilizzato ottiene risultati che confrontati con quelli di terapie altrettanto ben applicate che non lo utilizzano sono sovrapponibili in termini di riduzione di profondità di tasche, batteri e sanguinamento che però non sono l'unico obiettivo di una terapia parodontale completa:

Parere American Dental Association su Laser terapie alla luce della ricerca

Anche gli specialisti Italiani della cura alla parodontite (i Soci Attivi SIdP) non ritengono il Laser una novità e non vi rinvengono particolari motivazioni per un suo utilizzo nella cura della Parodontite:

Posizione Società Italiana di Parodontologia sul Laser

"Pertanto la SIdP raccomanda cautela alla popolazione nell’affidarsi a cure “miracolistiche”, che, oltre ad essere spesso molto costose, al momento non sono in grado di migliorare i risultati clinici che si possono ottenere con la terapia convenzionale." cit.

Il Laser è uno dei tanti modi per puilire e disinfettare le radici, non ha maggiore efficacia ed è molto lento e quindi ciò va lievitare non i risultati ma i costi. Ad esempio NON fa ricrescere l'osso e quindi le tasche più profonde non rigenerate sono destinate a reinfettarsi se non vengono corrette con ricorso a GTR (chirurgia rigenerativa) o chirurgia resettiva.

Se si vuole far rigenerare osso è necessario ricorrere alle consuete tecniche chirurgiche di GTR che sono tecniche praticate da solo una parte dei dentisti italiani, in quanto prevedono un'approccio parodontale sistematico per il loro successo. Da un'indagine di mercato della SIdP di qualche anno fa era risultato che solo il 3% dei dentisti italiani aveva una sonda parodontale nel cassetto! Da qui il proliferare di terapie "non chirurgiche", attendiste, alternative, con il solo risultato che non seguendo i protocolli più sperimentati e di successo si finiscono per perdere denti salvabili in favore dei costosi e non sempre più duraturi impianti.

In linea con le raccomandazioni Ministeriali noi raccomandiamo terapie conservative dei denti naturali anche perché tali terapie hanno costi medi sul singolo dente da un trentesimo ad un terzo (con rigenerazione ossea) rispetto alla sostituzione con singolo impianto.

 

Non bisogna confondere tra informazione sanitaria corretta e completa come stabilito dalla Convenzione di Oviedo ed informazione commerciale senza controlli spesso di proposito incompleta al fine di modificare le scelte economiche dell'individuo (strumenti dentista).