Le relazioni economiche siano il motore per impedire casi di utilizzo di bambini soldato e più in generale di violazioni dei diritti umani. All'Italia basterebbe solo appliccare la Costituzione

Violazione dei diritti umani a Tinduf: necessaria una scelta etica da parte dell'Italia

Estero postato da Euromed || 1 mese fa

In queste ore alcune agenzie di stampa hanno riporatato la notizia che " Il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite (HRC) ha adottato, durante la sua 134a sessione, un parere contro l'Algeria nell'ambito di una denuncia presentata a nome di un ex elemento del " polisario”, M'Rabih Ahmed Mahmoud Adda, che riuscì a fuggire dai suoi aguzzini per stabilirsi in Mauritania. Il Comitato, che è l'organo di riferimento delle Nazioni Unite in materia di diritti umani, ha emesso un parere favorevole al denunciante, "per rapimento, detenzione arbitraria, tortura e degradazione e trattamento disumano", in rappresaglia per la sua partecipazione a manifestazioni contro la leadership del “polisario”, attribuendone la responsabilità all'Algeria" Le stesse fonti di stampa hanno ricordato che " Già nel 2018 il Comitato, nelle sue osservazioni conclusive sul quarto rapporto periodico dell'Algeria adottato nella sua 123a sessione, aveva espresso “la sua profonda preoccupazione per la devoluzione de facto da parte dello Stato algerino dei suoi poteri, in particolare quello giurisdizionale al "polisario", sottolineando che tale situazione è contraria agli obblighi dello Stato parte, secondo il quale esso deve rispettare e garantire i diritti riconosciuti nel Patto a tutti i soggetti sul suo territorio” intolre , stando alle stesse fonti " Il gruppo di lavoro sulla detenzione arbitraria (GTDA) ha individuato anche l'Algeria nel parere n. 7/2020, adottato nella sua 87a sessione, a seguito del rapimento dell'avversario El Fadel Breica, torturato e detenuto illegalmente per quasi 5 mesi dal " polisario” dirigenza. Il GTDA ha sottolineato, in tale contesto, che “la responsabilità dell'Algeria è impegnata, purché tali violazioni siano state commesse sul territorio algerino e quindi sotto la giurisdizione territoriale algerina”. Il caso M'Rabih Ahmed Mahmoud Adda solleva anche la questione dell'arruolamento di bambini soldato da parte del "polisario", che imperversa impunemente sul territorio algerino e in flagrante violazione del diritto internazionale, poiché anche quest'ultimo è stato arruolato e indottrinato sin dal età di 15 anni." Sono fatti che meritano attenzione e riflessioni che ci tocca da vicino . In questi mesi come Italia siamo alla ricerca di fornitori alternativi al gas russo e la scelta della riduzione delle importazioni di gas è stata fatta per ragioni etiche dettate dalla guerra in Ucraina. Ora l’Italia deve sceglie con chi trattare . Se l’etica ha il suo peso anche in economia potrebbe essere la volta buona per istaurare un economia sociale di mercato. Allora prima di scegliere nel futuro a chi affidare la quasi totalità dei nostri approvvigionamenti dovremmo fare scelte etiche. Quante volte sentiamo che classe politica è scollata dalla vita di tutti i giorni , quando sentiamo delle file alla mense dei poveri che divengono sempre più lunghe ogni giorno che passa . Tutto ciò accade quando il chi è chiamato a gestire la cosa pubblica non ha percezione della realtà, quando vive in una “torre d’avorio” fatta di stipendi altissimi , privilegi ecc ecc. Il politico , chi governa deve ascoltare il popolo , deve aprirsi senza paura alle istanze che vengono dal basso senza paura . La nostra Costituzione all’Articolo 41 sancisce che ” L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla salute, all’ambiente, alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.” Dobbiamo chiedere a tutti , senza distinzione, di parte che nei nostri interscambi commerciali, anche in tema di approvvigionamento energetico , non vi sia solo la necessità o consolidatati accordi ma che questi accordi non siano in contrasto con l’articolo 41 della Costituzione. Scegliere nazioni che non fomentano il separatismo nelle zone vicine , scegliere nazioni stabili ed innovative nel piano energetico o che stanno lanciando piani per l’idrogeno verde, per il solare e il termo solare. Scegliere nazioni che non sono mentalmente legate alla alla guerra fredda, scegliere nazioni ( e ve ne sono anche nel mondo arabo) dove si svolgono elezioni libere e democratiche, dove si lavora in modo multilaterale dove non vi è repressione del dissenso e si lavora per l’africa e non nella logica della contrapposizione. Le relazioni economiche siano il motore per impedire casi di utilizzo di bambini soldato e più in generale di violazioni dei diritti umani. All'Italia basterebbe solo appliccare la Costituzione . Marco Baratto