Una donna di 21 anni ha avuto un ictus mentre si trovava alla nona settimana di gravidanza e i suoi figli sono nati quattro mesi dopo la sua morte, un ‘miracolo’ che passerà alla storia della medicina....

Medicina e Salute postato da catyperr66 || 5 anni fa

BRASILE – Una donna di 21 anni ha avuto un ictus mentre si trovava alla nona settimana di gravidanza e i suoi figli sono nati quattro mesi dopo la sua morte, un ‘miracolo’ che passerà  alla storia della medicina.   Quando la brasiliana Frankielen da Silva Zampoli Padilha telefonò al marito lamentandosi di un forte mal di testa, era nella nona settimana di gravidanza. Purtroppo, durante il tragitto in ospedale, la donna è morta a causa di un’emorragia cerebrale.   Dopo tre giorni di analisi e prove, i medici annunciarono la morte cerebrale di Frankielen e dissero al marito che i loro figli non sarebbero sopravvissuti. “Mi dissero che non appena i piccoli cuori dei nostri figli avessero smesso di battere, avrei potuto seppellire mia moglie”, ha detto Padilha Muriel, il padre dei gemelli.   Anche se dichiarata clinicamente morta  i medici hanno deciso di salvare gli embrioni quando hanno notato che il loro cuore stava ancora battendo nel ventre materno: il suo corpo continuava a nutrire i suoi bambini non ancora nati, che hanno lottato per sopravvivere.   “Nell’eseguire una risonanza magnetica, pensammo  che i gemelli sarebbero morti insieme alla madre, ma, con nostra grande sorpresa, hanno  continuato ad aggrapparsi alla vita. Così abbiamo cercato di salvarli”, ha riferito Dalton Rivabem, direttore dell’unità neurologica dell’ospedale di terapia intensiva. Il medico, allora, consultò un collega dal Portogallo che si era trovato, tempo indietro, nella stessa situazione e che era riuscito a dare alla luce un bambino 107 giorni dopo la morte di sua madre. Ci fu anche un altro caso in Polonia, dove nacque un bambino  55 giorni dopo la morte della madre. “Il cervello di Frankielen  era morto, ma gli altri organi hanno continuato a funzionare. La collegammo ad un apparecchio di ventilazione  per salvarle la vita e cominciammo a monitorare lo sviluppo dei gemelli”, ha aggiunto Rivabem.   I medici sono riusciti a mantenere le funzioni vitali della donna durante un tempo record di quattro mesi. Lo staff dell’ospedale Nossa Senhora do Rocio, che si trova nella città brasiliana di Campo Largo, nello Stato del Paraná, non solo si sono limitati di monitorare la salute della donna, ma hanno anche cercato di fornire ai piccoli l’amore materno. Ogni giorno, i medici hanno parlato con i bambini, e persino  cantato le canzoni. 123 giorni dopo il miracolo si è verificato e sono nati Ana Vitória e suo fratello Asaf che sono rimasti in incubatrice per tre mesi e che ora sono affidati alle cure del padre Muriel Padilha e della nonna Angela Silva.

Fonte: http://www.chiocciolina.click/it/una-donna-da-alla-luce-due-gemelli-dopo-123-giorni-dalla-sua-morte/