Wallis Island, isola vulcanica dell’Oceano Pacifico appartenente alla collettività francese d’oltremare, propone delle favorevoli motivazioni fiscali per una società offshore.

Perché Wallis Island è la nuova opzione per una società offshore

Economia postato da Rometta || 2 anni fa

Il capitano Samuel Wallis la scoprì nel lontano 1767.  Nel 1886 Wallis Island divenne un protettorato francese. Nel 1959 si unì alla Repubblica francese come territorio d’oltremare, condizione che permise a questa isola vulcanica adagiata nell’Oceano Pacifico di poter preservare le proprie credenze e usanze.

Nel 2003, Wallis Island ha assunto lo status di COM, ovvero di collettività francese d’oltremare. Questo particolare status, quindi, ha permesso a Wallis Island di poter determinare quelli che sono i propri affari fiscali.

Le motivazioni per le quali Wallis Island è la nuova opzione per una società offshore si vanno a basare prettamente per l’esistenza di favorevoli motivazioni fiscali. Non per nulla, a Wallis Island non si è soggetti a degli elevati oneri fiscali. In modo ancor più esplicito e chiaro, conto bancario e società non vengono ad essere gravati e, tantomeno, soggetti a degli oneri fiscali elevati.

Collocata ad oltre ventimila chilometri da Parigi, questo lembo di terra francese, è interessante proprio perché non vengono ad essere applicate tasse. Anche per queste ragioni, Wallis Island si è posta al centro della considerazione internazionale, divenendo, molto rapidamente, uno tra i più privilegiati e influenti luoghi in grado di andare a proporre le migliori e più interessanti opzioni per una società offshore.

Quindi, andando a concludere, Wallis Island, isola vulcanica dell’Oceano Pacifico appartenente alla collettività francese d’oltremare, propone delle favorevoli motivazioni fiscali per una società offshore come, ad esempio, il fatto che sia le società e sia il conto bancario non risultano essere soggetti e gravati da degli oneri fiscali elevati.