“Se avessi saputo cosa si sperimenta durante una crisi di astinenza, non avrei mai cominciato a drogarmi. Mai.” Questa è una delle affermazioni più comuni di chi è riuscito a uscire dal tunnel.

Cultura e Società postato da comunicatifirenze || 9 mesi fa

È difficile capire fino in fondo cosa possa comportare una crisi di astinenza. E non stiamo parlando so di eroina, alcool, cocaina o qualche altra maledetta droga da strada. Ecco l’esperienza di chi ha sperimentato una crisi di astinenza da “psicofarmaci”, che sono tra le droghe più potenti e pericolose.

-------------

"Inizieremo a ridurre il tuo Lexapro", ha detto il mio psichiatra al primo appuntamento, era un lunedì. Per coloro che non lo sanno, Lexapro è un antidepressivo molto forte. E questo processo di riduzione del farmaco si chiama svezzamento. “Diminuirai la dose per 7 giorni, poi ci vorranno altri 7 giorni alternati a giorni alterni. Dopo di che non ne prenderai più. “

La prima settimana andava bene. Un po'di nausea, quasi impercettibile, poi vertigini. Seconda settimana, le vertigini peggiorarono, ma potevo ancora camminare.

Poi venne il giorno in cui smisi davvero di prendere il farmaco. Era l'ultima pillola. Ricordo esattamente il momento. Ho guardato la pillola e ho pensato: "È l'ultimo giorno, mi sbarazzerò di te". L'ho ingoiato e ed è andato tutto liscio fino al fine settimana.

Non sono riuscita ad alzarmi dal letto. Il mio letto era bagnato. Ero tutto bagnato, avevo sudato tutta la notte. Ho sollevato la testa, ho cercato di alzarmi e poi sono caduto di lato. Totale disperazione. Ho provato a camminare dritto ma poi ho capito che stavo sbattendo contro le pareti e le porte dell'armadio.

Quindi è iniziata la confusione mentale. Sono andato a fare colazione. Prima ho messo dei bicchieri nel congelatore, ho aperto i cassetti e ho dimenticato cosa stavo facendo, ho saltato i pasti, non riuscivo a ricordare di mangiare. Poi disperazione, nausea, vertigini così forti che la mia testa si muoveva insieme al mio corpo. Ho provato a camminare ma il mio corpo stava zigzagando. Guidare è stato un errore enorme. Hai mai guidato ubriaco? Immagina una vertigine molto peggiore perché è molto più angosciante, sei completamente consapevole di tutto ciò che sta accadendo e non c'è nulla che tu possa fare al riguardo.

Le vertigini continuano, sensazione di malessere e vomito, perdita completa dell'appetito. Cominciarono le bizzarre oscillazioni dell'umore. Sono solo e leggo, ecco una crisi d'ansia, i miei occhi si riempiono di lacrime, nodo alla gola, ma sto lavorando. Cosa posso fare? La gente non capirà. Quindi, resisto, per ore.

Quando arriva il momento tornare a casa corro verso l'ascensore, in lacrime, e l'angoscia aumenta. Le mie mani erano bagnate e le gambe tremavano così tanto che non so nemmeno come stavo in piedi. Ma non riuscivo ancora a piangere, i colleghi di lavoro erano con me in ascensore.

Corsi alla macchina, entrai, chiusi a chiave la porta e scoppiai. Distrutto, come mai prima d'ora. Piansi e piansi, singhiozzando, riuscivo a malapena a respirare. La cosa peggiore era che non riuscivo nemmeno a capire perché stavo piangendo, non riuscivo a trovare un motivo.

Era il giorno della terapia. Quando sono arrivato, l'ho appena guardata e sono crollato.

"Ma perché sei così, cosa è successo?"

"Non ne ho idea, non riesco a smettere di piangere"

Abbiamo parlato per un po'e, come alcuni di voi sanno, dopo queste crisi ci si intorpidisce, succhiano tutta l'energia dal proprio corpo. Non ho potuto rispondere a parole, movimenti, niente.

Tutto quello che stavo pensando in quel momento era se quello stato in cui mi trovavo fosse la mia vera personalità. La mia personalità senza farmaci, come vivrei senza il trattamento psichiatrico. E questo mi ha spaventato a un livello che non riesco nemmeno a spiegare.

Non ricordo nemmeno cosa ci siamo detti in quella seduta. So solo che una volta finita ero più tranquillo, sono salito in macchina e sono tornato a casa automaticamente. Ora sono sdraiato sul mio letto con angoscia, pensando a quanto durerà ancora questa disperazione.

E ciò che veramente mi dispera è se questo è il vero me! La versione senza farmaci.

-------------

È importante capire che questa persona, prima di cominciare ad assumere la droga, cioè lo psicofarmaco, non stava così male! La “cura” lo aveva semplicemente peggiorato. Riusciva a “tirare avanti” solo drogandosi, solo assumendo uno stupefacente da una boccetta con tanto di foglietto illustrativo. Tolta la droga, tolta la sostanza che leniva il dolore, la vita è diventata un inferno molto peggiore del problema che si voleva risolvere.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Fonte: http://it.drugfreeworld.org