Ancora beni di prima necessità consegnati all’associazione Gulliver per le famiglie in difficoltà

La via della felicità a sostegno delle famiglie

Cultura e Società postato da notiziepubblichepadova || 1 mese fa

Ancora beni di prima necessità consegnati all’associazione Gulliver per le famiglie in difficoltà I volontari de La via della felicità hanno consegnato anche questa settimana alcune borse di abbigliamento per bambini e famiglie bisognose, direttamente all’associazione che le sostiene regolarmente. Con le borse son state consegnate anche una trentina di Audiolibri La via della felicità, una semplice guida per una vita migliore. Già negli ultimi mesi i volontari hanno consegnato alimenti a lunga conservazione e altri beni che nell’economia della situazione hanno dato sostegno all’associazione di Pesaro impegnata attivamente nella comunità. Fare qualcosa per le famiglie e gli anziani non è nuovo per i volontari, che anche in passato si son dedicati a varie iniziative di volontariato nell’ambito delle case di riposo di diverse città marchigiane. Organizzavano feste, spettacoli, balli e animazione per essere vicini agli anziani, per farli sentire in compagnia, meno soli e portare loro allegria. Queste feste venivano organizzate tutto l’anno, ma l’appuntamento maggiormente atteso dagli anziani era la festa di consegna dei doni di Natale, raccolti, impacchettati e consegnati dai numerosi volontari e bambini vestiti da Babbo Natale!. Tra crisi economica e pandemia le situazioni sono cambiate ed oggi più che mai il sostegno serve alle famiglie che per la situazione che stiamo vivendo si trovano in difficoltà. “A volte ci si può sentire come foglie trascinate dal vento lungo una strada sporca, ci si può sentire come un granello di sabbia in trappola. Ma nessuno ha mai detto che la vita sia una cosa calma e ordinata: non lo è. Una persona non è una foglia morta, né un granello di sabbia: una persona può, in maggior o minor misura, tracciare il proprio percorso e seguirlo. -Scrive il filosofo L. Ron Hubbard nell’opuscolo La via della felicità.- Si può avere la sensazione che le cose siano arrivate ad un punto in cui è troppo tardi per fare qualcosa, che la strada già percorsa sia così malridotta che non c’è più alcuna possibilità di tracciarne una futura un po’ diversa; tuttavia c’è sempre un punto sulla strada in cui si può tracciare un nuovo itinerario. E cercare di seguirlo. Non esiste persona viva che non possa dar vita ad un nuovo inizio.” L’iniziativa continua e chiunque desidera contribuire può contattare i volontari allo 071 659363