Il Rotary Club Pavia Est Terre Viscontee al via con la seconda edizione del premio Giuseppina Ratti

Il Rotary premia la cultura

Cultura e Società postato da Raffaella_Mantovani || 4 mesi fa

Al via la seconda edizione del Premio Giuseppina Ratti per i laureandi in scienze motorie “Abbi buona cura del tuo corpo, è l’unico posto in cui devi vivere” (Jim Rohn). Anche quest’anno il Rotary Club Pavia Est Terre Viscontee assegnerà alla miglior tesi di Laurea nell'ambito dell'attività fisica per la salute un premio del valore di 1000 euro. Iniziativa dedicata a Giuseppina Ratti, volto noto del Club, che per anni è stata al servizio della comunità impegnata nelle varie attività benefiche e come socia dell’Inner wheel di Pavia a fianco del marito Alcandro Paris nei vari impegni Rotariani. Il Premio è riservato ai laureandi del Corso di Laurea in Scienze Motorie dell'Università di Pavia che discuteranno la propria tesi entro il 2022. Le candidature dovranno esser presentate entro il giorno 30 novembre 2022 direttamente al Prof. Luca Correale, sul sito spmsf.unipv.it/scienze motorie le modalità di adesione. Una commissione tecnica valuterà le tesi e sceglierà il vincitore, che verrà premiato durante una cerimonia organizzata dal Club. Il 9 gennaio 2022 alla presenza dei finalisti Luca Martinis – tesi: Factors related to physical activity practice in people with multiple sclerosis: a cross-sectional study; Marta Baroscelli – tesi: 12 mesi di ricondizionamento fisico di un soggetto con polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIPD) in seguiro a SARS-Covid 19; è stata premiata per la Prima edizione del Premio Giuseppina Ratti la Dott.ssa Olga Pecchi – tesi: Attività fisica audio-guidata a supporto di persone con ipovisione: uno studio pilota. “Riteniamo fondamentale divulgare l’importanza dell’attività fisica per la salute - dichiara il Presidente del Club Gian Domenico Peloso – pertanto abbiamo voluto rinnovare anche per il 2022 questa importante iniziativa. Il Rotary club Pavia est terre Viscontee opera sul territorio dal 2014 e si è sempre distinto per le numerose iniziative dedicate a studenti, anziani e persone bisognose.” Ecco solo alcuni dei progetti portati a termine negli ultimi periodi dal Club: in collaborazione con l’associazione “Ben Essere” ha trasformato il lungo corridoio della radioterapia dell’istituto Fondazione Salvatore Maugeri con 45 immagini di fiori e piante per far dimenticare dolore e sofferenza alle persone costrette alla terapia. L’idea, nata da un paziente del reparto, ha preso corpo grazie ai meravigliosi scatti di Anna Daverio, alla disponibilità della vivaista Elena Carrara di Fratelli Carrara e all’intervento della Dott.ssa Chiara Bocci e del Dott. Giovanni Battista Ivaldi. Ora le fredde e asettiche pareti di un “corridoio dell’incerto” sono diventate un colorato percorso di speranza per tutti i pazienti che non devono mai più sentirsi tristi e abbandonati. Al Castello di Belgioioso grazie alle sonorità del gruppo LV Gospel Project magistralmente diretto da Francesco Maria Gabriele Mocchi è stata creata una serata all'insegna della musica, dell'entusiasmo e dell'unione raccogliendo così fondi per un progetto di abbattimento delle barriere architettoniche. Durante l'evento Alessandro Carvani Minetti con il suo intervento ha sensibilizzato la popolazione sul tema della disabilità. Presso l’Istituto Comprensivo di Belgioioso, in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Pavia laboratorio per la Psicologia dell’Attaccamento e il sostegno della Genitorialità, è stato richiesto ai ragazzi della scuola media di svolgere elaborati (temi e disegni) per descrivere i loro giorni durante il lock-down della Primavere 2020. Il Castello di Belgioioso anche questa volta è stato teatro per la presentazione del libro scaturito dall’analisi e dalla raccolta dei lavori dei ragazzi e la premiazione di 6 alunni scelti dalla scuola con dei buoni per l’acquisto di libri per un valore di € 100 per studente. Un'idea nata dal Dott. Paris che ha voluto ascoltare veramente i più piccoli, coloro che hanno maggiormente patito il periodo di isolamento sociale a cui il Covid ci ha sottoposto. Le autorità istituzionali tra cui il Sindaco, rotariane, il Preside e gli insegnanti dell’Istituto Comprensivo di Belgioioso e circa 50 studenti scelti per i migliori elaborati oltre alla dott.ssa Lettere dell’Università di Pavia erano presenti per corroborare l'iniziativa. Sono stati illustrati lo scopo del progetto e i pregevoli risultati raggiunti. I ragazzi hanno illustrato significativamente quali sono state le conseguenze del lock-down nella loro vita quotidiana evidenziando le loro difficoltà e i loro stati d’animo. La dott.ssa Lettere ha commentato i risultati psicologici che si sono potuti evincere dagli elaborati. La presentazione ha avuto un buon successo ponendo una pietra miliare per un periodo difficile della nostra vita ma donando speranza per il futuro. Ha posto l'accento su uno spaccato che proprio i più piccoli hanno dovuto attraversare. E' stato creato un momento di conviviale serenità per 55 famiglie in difficoltà di Belgioioso donando loro un pasto completo. Ha preso il nome di “Pranzo della domenica” in collaborazione con il Banco Alimentare i volontari hanno portato il pranzo a casa delle persone. L'obiettivo era quello di donare una giornata di festa alle famiglie che, in quel paticolare periodo, erano costrette a rinunciare a momenti caratterizzati da un po' di spensieratezza. E' stata avviata una raccolta fondi per l'acquisto di una vettura da donare alla Croce Rossa Italiana – comitato di Pavia al fine di poter usfruire di un mezzo proprio per il trasloco dei dializzati autosufficienti. Sono state consegnate all’istituto scolastico della Città Di Belgioioso 500 mascherine FFP2 per assecondare le esigenze della scuola che ne era sprovvista e che ne necessita per i soggetti fragili in virtù della maggiore protezione che offrono tali mascherine rispetto a quelle chirurgiche. I Club dell'Oltrepo si sono uniti per finanziare una importante ricerca della Fondazione Ircss Policlinico San Matteo che riguarda il Covid 19. Il grande impegno nella sperimentazione e realizzazione di progetti di ricerca i cui risultati sono stati oggetto di pubblicazioni su prestigiose riviste e in alcuni casi sono tuttora in corso.