Firenze e Pisa sono state le tappe iniziali del Primo Motogiro Nazionale “Mettiamoci in moto per un Italia Libera dalla Droga” organizzato dall’associazione Dico No alla Droga.

Cultura e Società postato da comunicatifirenze || 1 anno fa

Le due tappe toscane del Primo Motogiro Nazionale “Mettiamoci in moto per un Italia Libera dalla Droga” sono state Firenze e Pisa. Il Motogiro è un’iniziativa dei motociclisti volontari dell’associazione nazionale “Dico No alla Droga”, che stanno percorrendo in moto la penisola allo scopo di sensibilizzare la popolazione al problema dell’uso di droga e dell’abuso di alcool. A Firenze il Motogiro si è fermato lunedì 30 agosto al Piazzale Michelangelo, dove ha ricevuto il saluto del Consigliere Comunale Federico Bussolin. Lo stesso giorno a Pisa, in Piazza dei Miracoli, è stato accolto dallo staff del Gruppo Il Ponte San Patrignano. Il mattino successivo, sempre a Pisa, il Motogiro ha incontrato l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Pisa Gianna Gambaccini. Una volta giunti a Marina di Pisa i motociclisti sono stati accolti dallo staff della Pubblica Assistenza al quale si era unito il Sindaco di Pisa Michele Conti. Il Moto Giro Nazionale è un momento durante il quale i volontari dell’associazione Dico No alla Droga, molti dei quali accomunati dalla passione per i motori, testimoniano che la vita è molto più bella e degna di essere vissuta se non si ricorre a nessuna sostanza stupefacente. Le moto, partite da Milano, hanno proseguito per Roma, Napoli, Martina Franca, Senigallia, Modena e Padova. “Dico No alla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. L’Associazione non intende moralizzare nessuno e nemmeno sposare una qualche idea politica riguardante il problema dell’uso di stupefacenti. Intende invece dare ai giovani le corrette informazioni al fine di aiutarli a fare una scelta responsabile in merito a questo soggetto. Siamo convinti che una corretta ed efficace informazione ed il buon esempio possano fare molto per ridurre il fenomeno dell’uso di droga. Dico No alla Droga opera con la ferma convinzione che anche una sola vita salvata valga tutti gli sforzi che i volontari hanno fin compiuto e che continueranno a fare. Le attività del Dico No alla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali. Il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” Giovanni Trambusti “Dico No alla Droga” Toscana

Fonte: https://www.diconoalladrogabg.it/motoraduno