La marijuana, definita come “droga leggera”, o addirittura una “non droga”, è una sostanza che mette a serio rischio la vita di milioni di persone ogni giorno. I suoi effetti non vanno affatto sottovalutati.

Cultura e Società postato da comunicatifirenze || 5 mesi fa

Se credi a tutti gli attivisti che promuovono la marijuana medica o la cannabis ricreativa, sentirai dire che si tratta della più benefica delle sostanze. In alcuni stati degli USA è legale per uso medico, e in altri anche per uso ricreativo. Ma quanto può essere dannosa la marijuana? In fondo si tratta sempre di una droga che ha degli effetti sulla mente, oltre che sul corpo. Un recente studio rileva che, quando si tratta di guidare, l'uso di marijuana incrementa più del doppio le probabilità di avere un incidente. Lo studio è pubblicato su Epidemiological Review. Se poi il consumatore di marijuana avesse anche bevuto, le probabilità di un incidente sono ancora maggiori. Negli ultimi anni, la tendenza universale tra i consumatori di droga va verso la poliassunzione, cioè il consumo di più di una droga alla volta. Gli autori dello studio su Epidemiologic Review hanno notato che più di 10 milioni di americani hanno guidato sotto l'influenza di droghe illecite durante l'anno precedente al sondaggio, e che i test sui conducenti che muoiono in un incidente stradale rilevano che Il 28% risulta positivo a droghe diverse dall'alcol: la marijuana è al primo posto nella lista. I ricercatori hanno anche valutato altri studi svolti in altre nazioni, concludendo che dopo l'uso di marijuana le capacità di guida sono gravemente compromesse almeno per le tre o quattro ore successive. I risultati di questo studio gettano una luce un po' diversa sull'immagine innocua della marijuana, propagandata da coloro che sostengono la depenalizzazione o l'uso medico della droga. Inoltre, il Rapporto mondiale sulla droga 2011 dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine, rileva un numero significativamente crescente di persone che si sottopongono a riabilitazione per l'uso di marijuana. Circa un terzo ha meno di 18 anni. Più della metà sono studenti e più della metà ha iniziato a usare marijuana quando aveva 14 anni o anche prima. Un terzo di loro ha iniziato tra i 15 ei 17 anni. Forse questo può essere dovuto, almeno in parte, al fatto che la cannabis coltivata dai trafficanti di droga oggi è molto più forte rispetto ai decenni passati, alcuni dicono quasi il doppio. In Europa, tra i giovani (15-19 anni) in corso di riabilitazione, l'83% ha riferito che la droga principale con cui avevano problemi era la cannabis. La maggior parte dei consumatori di cannabis ha segnalato anche l'uso di una seconda droga, solitamente alcol o cocaina. Nei test di guida, la marijuana ha dimostrato di causare i seguenti problemi di capacità e di giudizio: • Aumento dei tempi di reazione • Diminuzione delle prestazioni di guida dell'auto • Sonnolenza • Ridotta coordinazione motoria • Ridotta attenzione alla guida • Ridotta capacità di stimare il tempo e la distanza. Negli Stati Uniti, più di 22 milioni di persone usano una droga illecita ogni mese, con la marijuana in testa alla classifica. Più di due milioni di persone iniziano a usare marijuana negli Stati Uniti ogni anno. In tutto il mondo, tra 150 e 270 milioni di persone fanno uso di droghe, di cui circa tre quarti usano cannabis. Ci sono milioni di conducenti con problemi di salute legati all’abuso di marijuana. Vanno aggiunte molte altre persone, dipendenti dalla marijuana, impiegate in lavori che richiedono tempi di reazione e percezione accurati, inclusi operai edili, meccanici ed elettrici, medici, infermieri, personale di supporto aeroportuale, capitani di navi, vigili del fuoco e forze dell'ordine, solo per citarne alcuni. Come prevenire che i giovani comincino ad abusare di alcool in primo luogo? Il modo migliore è la prevenzione tramite l’informazione, che deve necessariamente cominciare dalla prima adolescenza. “Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga, si abusi di alcool o di farmaci. Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali. Il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione”. Questo è il principio su cui si basano le azioni dei volontari di Mondo Libero dalla Droga: educare i giovani per salvare le loro vite. Giovanni Trambusti “Mondo Libero dalla Droga” Toscana

Fonte: https://www.noalladroga.it/