Come non incorrere in penali e pagare costi eccessivi quando si viaggia con le compagnie low cost.

Turismo postato da igorfio || 8 anni fa

Da quando ha avuto inizio il boom delle compagnie low cost, all'inizio del millennio, il mercato è notevolmente cambiato, con l'affacciarsi prima di decine di nuove compagnie ed il successivo ridimensionamento che ha portato ai circa quaranta operatori attuali in tutta Europa. Quello che invece non è cambiato è la politica con la quale queste compagnie riescono a tenere basse le tariffe, cercando i guadagni nei servizi accessori.

Se da una parte quindi è possibile acquistare un biglietto base per poche decine di euro, dall'altra se si desiderano comfort e servizi aggiuntivi, o se non si rispettano le rigide regole che riguardano check-in e bagagli, è necessario pagare.

Proprio il bagaglio a mano rappresenta uno dei principali motivi di disagio per i passeggeri, che si ritrovano spesso in aeroporto costretti (in realtà tutto è accuratamente quando si acquista il biglietto) a non poterlo portare con sé in cabina e a dover pagare un supplemento per l'imbarco. Quando si prenotano i voli delle compagnie low cost, occorre infatti fare attenzione alle regole sul bagaglio a mano che è consentito portare con sé in cabina. Le misure consentite cambiano da compagnia a compagnia, così come il supplemento che occorre pagare nel caso di dimensioni o peso in eccesso.

Prima di avviarsi verso l'aeroporto di partenza, consigliamo quindi sempre di aver prima controllato che le dimensioni ed il peso del bagaglio rientrino entro quelli consentiti, e di acquistare eventualmente prima l'eventuale imbarco del bagaglio, che costerebbe molto di più in aeroporto.

Recentemente le cose stanno comunque cambiando, con Ryanair, consociuta come tra le più rigide ad applicare le regole, che presto consentirà ai passeggeri di portare in aereo anche un secondo piccolo bagaglio a mano.

Fonte: http://www.compagnielowcost.com/bagaglioamano/