Banca Mondiale: 216 milioni di rifugiati climatici entro il 2050. Secondo il rapporto, le condizioni meteorologiche estreme intensificano la migrazione climatica La Banca Mondiale prevede fino a...

Banca Mondiale: 216 milioni di rifugiati climatici entro il 2050

Attualità postato da dagata || 2 giorni fa

Banca Mondiale: 216 milioni di rifugiati climatici entro il 2050. Secondo il rapporto, le condizioni meteorologiche estreme intensificano la migrazione climatica La Banca Mondiale prevede fino a 216 milioni di rifugiati climatici entro il 2050 che dovranno cercare una nuova casa nei loro paesi d'origine a causa del riscaldamento globale. Sono state esaminate le regioni del mondo America Latina, Nord Africa, Africa a sud del Sahara, Europa orientale, regione del Pacifico e Asia meridionale, orientale e centrale. E' quanto emerge dal cosiddetto rapporto Groundswell, la cui seconda parte è stata presentata lunedì a Washington. La terra si è già riscaldata di circa 1,2 gradi rispetto ai tempi preindustriali. Le conseguenze fatali: a seconda della regione, ci sono più ondate di calore e siccità, nonché forti piogge, tempeste, incendi boschivi, tempeste e inondazioni. Allo stesso tempo, i ghiacciai e il ghiaccio sui poli si stanno sciogliendo, causando l'innalzamento del livello del mare.Secondo il rapporto, i punti caldi per la migrazione climatica potrebbero svilupparsi in alcuni paesi già nel 2030. La finestra temporale per l'azione è ancora aperta. La riduzione delle emissioni di gas serra dannosi per il clima e lo sviluppo verde e sostenibile potrebbero ridurre il numero di rifugiati climatici fino all'80%. La prima parte del rapporto è stata pubblicata nel 2018. Per la prima volta, i risultati dei due studi hanno tracciato un quadro globale degli effetti dei cambiamenti climatici sulla migrazione interna, ovvero sulla fuga delle persone all'interno dei loro paesi d'origine. Il cambiamento climatico è un forte motore della migrazione perché colpisce i mezzi di sussistenza delle persone, ha affermato. I suoi effetti di "lenta insorgenza" sono stati dannosi per la qualità della vita in alcune regioni. Le persone sono costrette a lasciare le loro case dove l'acqua potabile sta diventando scarsa, la produttività del raccolto sta diminuendo e il livello del mare sta aumentando. "Il rapporto Groundswell è un promemoria contingente delle conseguenze del cambiamento climatico per le persone, in particolare i più poveri del mondo, che contribuiscono meno alle sue cause", ha affermato Juergen Voegele della Banca mondiale. Il rapporto, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, contiene una serie di raccomandazioni politiche per l'azione.