E’ mercoledì. Finalmente siamo ritornati al mercato settimanale di Oderzo, certi di poter degustare dalle 8 del mattino, le trippe e il baccalà al ristorante 4 Corone. Tutta colpa di due frate...

Al mercoledì, come un tempo, al mercato di Oderzo, per le trippe e il baccalà al ristorante 4 Corone……

Alimentazione postato da giorgino50 || 2 anni fa

 

 

E’ mercoledì.

Finalmente siamo ritornati al mercato settimanale di Oderzo, certi di poter degustare dalle 8

del mattino, le trippe e il baccalà al ristorante 4 Corone.

Tutta colpa di due fratelli, Andrea e Martina Marchesin, che hanno riaperto a

febbraio il ristorante che ha una storia di oltre cent’anni (inizia del ‘900).

Andrea, in una intervista ad un quotidiano locale, aveva tracciato il programma :

“La promessa è di ammodernare la tradizione. Verrà conservato un menu tipicamente veneto fatto di piatti come trippe, baccalà e fegato alla veneziana, la novità è che la nuova gestione punterà anche sull’aperitivo preparando una serie di cicchetti da accompagnare ai calici che precedono i pasti. «

Ma il 4 Corone è per davvero indissolubilmente legato alla storia della Città.

Come dimenticare la serata del 6 maggio 1976,alle ore 21:00:12 , quando il terremoto del Friuli

scosse intensamente Oderzo : nel tardo pomeriggio il Circolo Quattro Cantoni animato dalla

immensa Gina Roma, aveva ospitato la presentazione del libro Treviso l’Altra , con gli interventi

di Franco Batacchi.Giorgio Dalla Barba e altri intellettuali un po’ irregolari….

La cena al 4 Corone era terminata precipitosamente sotto i tavoli dell’osteria……

Odèrso

cità pa’ schèrso

punto perso

de l’universo

co ‘l Montegan par traverso.

Come dimenticare le pagine profetiche di Ulderico Bernardi, in Una cultura in estinzione.

O l’intervento di Andrea Zanzotto nel libro Treviso l’altra, Conoscere il passato e il presente

per meglio preparare il futuro.

Ecco, tutto questo ci viene in mente, il mercoledì del nostro ritorno.

Ci piace ricordare che Andrea è anche il titolare della Pizzeria Mama, che Martina è

un volto noto nei locali del centro di Oderzo.

Che siano i giovani a rilanciare le tradizioni, pur dando spazio alla propria creatività, è

decisamente una bella sorpresa !

Di più, è un messaggio che , semplicemente, ci rende felici.