Un corso dedicato alla preparazione di alcuni piatti tipici del Trentino

Viaggio nei sapori del Trentino

postato da saramoca il 08/01/2011
Categoria: Turismo - tags: hotel cavedago + hotel cis

p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { }

Se siete interessati alla cucina regionale e in questo periodo vi trovate in vacanza nell'hotel Cis oppure nell'hotel Cavedago, non perdete l'occasione per cimentavi nella cucina del Trentino! Infatti nel comune di Trento, dal 18 gennaio prenderà il via un corso dedicato alla preparazione di alcune prelibatezze trentine.

Si tratta di un'occasione per apprendere le tecniche di preparazione dei piatti tipici della zona e verranno suggeriti dei piccoli segreti applicabili a tante ricette da riportare nella propria cucina, per stupire familiari ed ospiti con nuovi spunti e sorprese inaspettate. Si impareranno a preparare i canederli e lo smacafam, la classica polenta trentina e tantissimi dolci, con qualche indicazione sulle diverse erbe che arricchiscono le preparazioni di aromi gradevoli e gusti ricercati, senza dimenticare i salumi che, insieme agli insaccati, non mancano mai nei piatti della cultura contadina.

Il corso verrà organizzato in forma di laboratorio a tema, condotto da uno chef che presenterà la preparazione di un piatto tipico, delle sue diverse versioni, da degustare poi al termine di ogni incontro in abbinamento ai vini trentini.

I temi del corso saranno “I canederli: variazioni con gusto”; “Lo smacafam e le torte de lat”; “Le zuppe e le minestre: tradizioni e fantasia”; “La polenta di mais e di patate con accompagnamenti tradizionali”; “Le erbe spontanee: gusti di natura”; “I funghi interpretano l’autunno”; “La patata: dagli gnocchi al tortel”; “Di cotti e di crudi: salumi e insaccati protagonisti del piatto” ed infine “I dolci di Natale”. Il corso ha cadenza mensile per tutto il 2011; una buona occasione per tornare da queste parti anche in altri periodi dell'anno ed approfondire questo aspetto interessante della cultura regionale, che molti definiscono “inesistente”, altri troppo povera e molti “copiata da quella tradizionale del Südtirol o dell’area del Nord Europa. In questo modo si riscoprirà la sua vera identità.