Uova contaminate da Campylobacter spp.: nuova allerta in Europa per contaminazione microbiologica. Lo segnala oggi l’Ufficio federale della sicurezza alimentare tedesco       Il comunicato...

Uova contaminate da Campylobacter spp.: nuova allerta in Europa per contaminazione microbiologica

giovanni d'agata

 

Uova contaminate da Campylobacter spp.: nuova allerta in Europa per contaminazione microbiologica. Lo segnala oggi l’Ufficio federale della sicurezza alimentare tedesco

 

 

 

Il comunicato diffuso dall’Ufficio federale della sicurezza alimentare tedesco è molto chiaro e non lascia spazio a dubbi. Nel guscio delle uova delle Fattorie avicole Ertl KG, prima del consumo, sono state trovate tracce di batteri termofili Campylobacter spp. (C.coli). Tutti i lotti in commercio avente scadenza  minima del 20.02.2018 possono essere contaminati microbiologicamente e per questo motivo il produttore ha ritirato dai tutti i punti vendita i prodotti interessati ancora esposti sugli scaffali. I supermercati a loro volta dovrebbero avere sbandierato un cartello per avvisare i clienti. Più in dettaglio, si tratta delle uova vendute in confezioni di cartone da 10, prodotte dalle Fattorie avicole Geflügelhof Ertl KG con sede dello stabilimento a Rottenwöhr 48, 84323 Massing, Germania. A lanciare l'allerta della contaminazione il governo tedesco sul portale Lebensmittelwarnung.de. La Germania inoltre ha attivato il Sistema rapido di allerta europeo (RASFF) avvisando le autorità sanitarie dei diversi Paesi europei. La campylobatteriosi è una malattia infettiva causata dal batterio Gram negativo Campylobacter. Descritta negli anni Cinquanta come rara batteriemia nelle persone immuno-compromesse, nel 1972 è stata individuata come causa di malattie diarroiche. La maggior parte delle infezioni (circa il 90%) è provocata dalle specie C. jejuni e C. coli, mentre meno frequenti sono quelle causate dalle specie C. lari, C. fetus e C. upsaliensis. La campylobatteriosi è una delle malattie batteriche gastrointestinali più diffuse al mondo e il suo tasso di incidenza ha superato in alcuni Paesi europei quello relativo alle salmonellosi non tifoidee. La sua diffusione negli ultimi 10 anni ha, infatti, registrato un incremento e rappresenta un problema di salute pubblica di impatto socio-economico considerevole. Il periodo di incubazione della campylobatteriosi varia da un giorno a una settimana, a seconda dei casi. I sintomi sono solitamente leggeri o moderati e consistono in diarrea, dolori addominali, febbre, mal di testa, nausea e vomito. La loro durata varia generalmente da uno a sette giorni, ma nel 20% dei casi circa, può superare la settimana. Manifestazioni più gravi della malattia si verificano in meno dell’1% dei pazienti, solitamente in soggetti molto anziani o molto giovani, e includono meningiti, endocarditi e aborti settici. Pazienti con deficit di immunoglobuline possono presentare infezioni gravi, prolungate e ricorrenti. Il tasso di mortalità è basso, ma per i pazienti più vulnerabili (bambini, anziani e immuno-compromessi) il cui numero nell’Unione europea è in crescita, le conseguenze della malattia possono essere molto gravi. La campylobatteriosi è stata associata a diverse sequele croniche che includono artrite reattiva, infiammazioni a carico di fegato e reni e la sindrome di Guillain-Barré. A causa della mancanza di caratteristiche cliniche specifiche, la campylobatteriosi è difficile da distinguere dalle altre patologie gastrointestinali. Una diagnosi definitiva può essere effettuata solo attraverso l’analisi microbiologica di campioni clinici. Nessuna allerta in Italia, precisa Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” poichè non risultano distribuzioni di uova contaminate proveniente dall'allevamento in questione. L’altra cosa da ribadire è che le uova non coinvolte si possono mangiare con serenità.