A Terni uno spacciatore tossicodipendente a venduto del metadone a due ragazzi di 15 e 16 anni, entrambi morti nel sonno.
Un overdose di metadone stronca la vita di due adolescenti

Il metadone è una droga sintetica che viene somministrata nei SerT (Servizi per le Tossicodipendenze) a chi è dipendente dall’eroina. Alcuni tossicodipendenti in “cura” al SerT, invece di assumere il metadone, lo rivendono sul mercato nero. Così si trasformano in spacciatori e si guadagnano un po’ di soldi per procurarsi l’eroina. Ecco che il cerchio si è chiuso: il SerT ha fallito, il drogato rimane un drogato e in più diventa un criminale, nuova droga arriva sul mercato illegale, altri giovani rischiano la vita. E in questo caso l’hanno persa.

I due adolescenti di Terni avevano assunto per l’appunto metadone e probabilmente anche Codeina (un antidolorifico simile alla Morfina) e alcool. Dopo lo sballo sono tornati a casa e la morte li ha colti entrambi nel sonno, ognuno nel suo letto.

Di chi sono vittime questi due ragazzi? Sicuramente vittime dell’irresponsabilità dei SerT che permettono che droghe sintetiche micidiali come il Metadone arrivino sul mercato dello spaccio, e sicuramente vittime dell’attività criminale dello spacciatore. Ma non possiamo ignorare che sono anche vittime di una mancata politica di prevenzione e informazione. Cosa sarebbe successo se i due ragazzini fossero stati adeguatamente informati degli effetti e dei rischi connessi all’assunzione di droga?

Salutiamo sempre con gioia i sequestri di droga e gli arresti degli spacciatori, ma siamo anche consci che le azioni repressive non sono sufficienti a risolvere il problema. Il vero problema non è il traffico: se non ci fosse una domanda, un desiderio di droga, la criminalità non avrebbe motivo di produrre, trafficare e spacciare stupefacenti.

La campagna “La Verità sulla Droga” per le scuole è nata per informare i giovani prima vengano “informati” dagli spacciatori, dagli “amici” più grandi o da innumerevoli siti internet che magnificano le proprietà curative della marijuana e danno “consigli” su come sballarsi al meglio.

La campagna è portata avanti dall’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga”. Si tratta di un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Fonte: http://http://it.drugfreeworld.org