Il senso del limite è un valore estremamente variabile, muta: si dilata o si restringe in modo soggettivo, dipende da tante variabili, ma la malattia è un’altra cosa, anche il suo decorso può...
postato da francogiordano722 il 10/12/2012
Categoria: Italia - tags: berlusconi + boccassini + ghedini + processo ruby
Il senso del limite è un valore estremamente variabile, muta: si dilata o si restringe in modo soggettivo, dipende da tante variabili, ma la malattia è un’altra cosa, anche il suo decorso può variare grazie a molteplici fattori ma quando è incurabile ha sempre la stessa conclusione.  Il senso del limite in Italia si è cronicizzato sino a manifestarsi come una cronica patologia: e l’intensità dei tormenti sarà direttamente proporzionale all’accanimento dei vari cerusici improvvisati che si ostineranno ad attaccare la salma vigile di Berlusconi all’efficiente quanto infernale  macchinario del ridicolo.   Partiamo da lontano: Ghedini - grande avvocato… questo è fuor di dubbio; perché per difendere Berlusconi bisogna esser capaci e traboccanti di patologica fantasia -, ha rinunciato ad una vita più serena rinunciando ad interpretare Lurch nei remake della Famiglia Addams solo perché Silvio è una miniera d’oro! Quale avvocato non vorrebbe rappresentare uno straricco rincoglionito che ha l’innata capacità di fare e sparare cazzate a ogni piè sospinto?  Dunque… a proposito del processo Ruby il “bel” Niccolò che è sempre stato in grado di spulciare e trovare ogni minimo cavillo da Azzeccagarbugli per allungare i tempi processuali al fine di ottenere una sospirata prescrizione in questo caso non ci è riuscito. Questa volta l’avvocatone ha avuto un “colpo di fortuna”… Ruby non si è presentata a deporre e tutto è stato rimandato al 17 dicembre. La dea bendata ha aiutato il Torellino dell’Ogliata e se ci dovessero essere altre “botte di culo” come regalo di Natale noi italiani ci ritroveremo sotto l’albero di Natale un bel “pacco”: la certa candidatura di Ciappelletto da Arcore per le prossime politiche. Ghedini è stato fortunato … ma che stress sino ad ora: ma è ovvio che questo legale dalle chiappe di amianto è combinato in quella maniera… volete mettere a quali pressioni è sottoposto pur di sfondarsi di soldi rovistando nella covata della sua più produttiva “gallinella dalle uova d’oro?” Gira voce che appena laureato fosse sputato ad Alain Delon mentre adesso sarebbe già un miracolo se somigliasse alla Santanché senza trucco. La Boccassini – malpensante pure lei però – ha dichiarato che è tutta una macchinazione per far annullare il processo. Ma Ilda … davvero crede che “Sua Viagrità” possa esser capace di far questo? Poi in combutta con l’emaciato Gedini? Ma Dio solo sa come si regge in piedi? Quello è il terzo segreto di Fatima… cammina con Brunetta in tasca per timore che se lo porti via una ventata anche lieve… Niccolò non può passeggiare sereno per Parco Sempione che tutti i cani gli pisciano sulle scarpe – poi si sa tra bestie si parla, le voci girano, basta un bastardo che dice: “oh ragazzi ho trovato un ramo secco che da certe soddisfazioni”… e tutti a liberarsi su questo vespasiano “nature” ! Ma in tutto questo… che fine ha fatto Ruby? C’è chi dice che finalmente è andata a conoscere il nonno putativo assegnatogli dal Parlamento italiano in Egitto, altri giurerebbero che è stata incapsulata in un dente di Bondi dalla Minetti… ma sino ad ora di lei nessuna traccia! L’ultima notizia certa la vede prendere a ciccate Fede all’uscita del Tribunale di Milano. Qualcuno vuole un dente del Beato Bondi? Ha il potere di ispirare poesie di merda che appena decantate fanno crollare un opus reticulatum a Pompei!  

Fonte: http://esistentepaziente.blogspot.it/2012/12/tutti-pazzi-per-ruby.html