per questa stagione 2017, i numeri si concentrano sulla Capitale, tratteggiando dei flussi di presenze e arrivi a Roma un po’ al rallentatore. Sicuramente nessun dato preoccupante, visto che...

Turismo a Roma, arrivi al rallentatore

postato da ela2015 il 10/04/2017
Categoria: Turismo - tags: dati turismo + turismo
turismo

I numeri del turismo in genere cominciano a scatenarsi a partire dalla primavera, complici anche le feste di Pasqua che tradizionalmente consentono a molti italiani di spostarsi e concedersi qualche giorno di vacanza per uscire dal lungo letargo invernale. E per questa stagione 2017, i numeri si concentrano sulla Capitale, tratteggiando dei flussi di presenze e arrivi a Roma un po’ al rallentatore. Sicuramente nessun dato preoccupante, visto che comunque c’è molta attesa rispetto sia alla Pasqua a Roma, che ai successivi ponti della Festa della Liberazione del 25 aprile e del 1° maggio che consentiranno a molti di fare una bella vacanza con pochissimi giorni di ferie dal lavoro.

Inoltre, Pasqua è sempre, soprattutto quando si parla di Roma, un primo scorcio del tepore primaverile che fa bene all’umore e al corpo.

Dunque, molti italiani si sono già scatenati in merito alle prenotazioni di una fuga più o meno lunga nella città eterna in occasione del mese di aprile e di questo primo scorcio di primavera, scegliendo sistemazioni anche alla mano ma senza rinunciare alla comodità e all’eleganza, perfetto in questo senso un hotel a porta di Roma, come l’Hotel La Pergola, che consente di combinare un budget non eccessivo anzi accessibile a tutti con una sistemazione molto appropriata per una bella vacanza.

I numeri delle presenze a Roma

Entrando più nel dettaglio, l’Ente Bilaterale del Turismo del Lazio ha dato qualche numero in merito alle presenze turistiche nella capitale attese per la primavera e in particolar modo per Pasqua. Si comincia dalle presenze negli alberghi romani, che raggiungeranno le quasi 27mila unità, registrando un piccolissimo aumento che sfiora il due per cento rispetto allo scorso anno. La crescita c’è quindi, pur rallentando la sua corsa, molto più convincente fino a qualche anno fa.

Se le presenze e gli arrivi aumentano, è vero però che i turisti spendono meno mentre sono in vacanza nella capitale. Altro dato interessante è la grande percentuale di turisti stranieri rispetto a quelli italiani in visita a Roma.

Infine, i dati occupazionali, molto importanti soprattutto di questi tempi così difficili nel comparto del lavoro. Per quanto riguarda il settore turistico, i numeri degli occupati restano stabili nelle cifre e nelle proporzioni, interessando quasi 70.000 lavoratori, tra uomini e donne. Poco meno di ventimila sono gli occupati negli alberghi, settemila quelli nelle agenzie e infine la stragrande maggioranza, vale a dire oltre quarantatremila sono i lavoratori del settore della ristorazione. Il settore, quindi, continua a funzionare dal punto di vista occupazionale, arricchendosi anche di nuovi profili al passo coi tempi.