Grandi consensi per Loredana D’Anghera  il 25 Gennaio  su RaiRadio3 nel programma” la stanza della musica “ha presentato il suo progetto “Time Machine”. La D’Anghera laureata in canto lirico,oltre...

Time Machine

postato da newsonline il 30/01/2013
Categoria: Musica - tags: d anghera + timemachine
Loredana D'Anghera

Grandi consensi per Loredana D’Anghera  il 25 Gennaio  su RaiRadio3 nel programma” la stanza della musica “ha presentato il suo progetto “Time Machine”. La D’Anghera laureata in canto lirico,oltre all’attività d’insegnamento di canto lirico, moderno e jazz, ha al suo attivo un’intensa attività in tutta Italia, collaborazioni ed esibizioni  con artisti prestigiosi che spaziano dal Jazz alla classica, una voce in grado di sostenere e interpretare con estrema eleganza vocale tutti  i generi.

 Time Machine nasce nella primavera del 2011 da un'idea di Loredana D'Anghera, cantante jazz che viene dal classico, il cui desiderio era di collaborare con un compositore-pianista come Massimiliano Damerini, che ne potesse mettere in evidenza la doppia tecnica vocale, attraverso musiche di stile diverso e contrastante. L'idea innovativa di Time Machine è l'esperimento di un estremo virtuosismo non solo vocale (passare da un'epoca, uno stile, un genere musicale all'altro) ma anche compositivo (è un esempio estremamente elaborato di "falso d'autore"), e librettistico (il "falso d'autore" riguarda anche la scelta dei testi).

Questi elaboratissimi “falsi d’autore” musicali sono stati “inventati” e composti da Massimiliano Damerini e resi “credibili” grazie alla grande duttilità e versatilità vocale di LoredanaD’Anghera che, attraverso la sua “doppia tecnica vocale”, interpreta alternativamente uno o più brani di stile diverso e contrastante.

Le composizioni si basano su testi di Vittorio Caratozzolo, insegnante e coltissimo letterato in grado di imitare i vari stili poetico-letterari e le forme librettistiche del melodramma nelle loro lingue originali, producendo sofisticatissimi “falsi d’autore”, come quello elaborato per Time Machine in sette lingue diverse: dall’italiano al francese, dall’inglese al russo, dal portoghese al tedesco fino a citazioni in greco.