I primi step per l'ottimizzazione di una campagna email marketing di successo

Strategie email marketing: come segmentare il database per inviare messaggi personalizzati

postato da Atwebco il 17/05/2012
Categoria: Internet - tags: email marketing + newsletter

Per ottimizzare una campagna newsletter, ancora prima della creazione del messaggio bisognerebbe sempre pensare alla segmentazione del proprio database contatti.

 

Da alcune recenti ricerche condotte negli Stati Uniti, emerge come l'invio di campagne email  personalizzate a gruppi e target diversi del proprio database aumenta sensibilmente i tassi di apertura e le conversioni, non solo, avrebbe anche benefici sulla vendita del prodotto finale e diminuirebbe in maniera sensibile il numero dei disiscritti.

 

Quali sono dunque i parametri fondamentali per una corretta profilazione? Quali distinzioni bisogna fare?

 

Sicuramente un parametro importante è la distinzione del target, B2B o B2C, poi bisogna tener conto se il messaggio che stiamo inviando è rivolto a persone che già ci conoscono o possibili clienti.

 

Nel caso di clienti attivi quindi già conosciuti un paramentro importante  è sicuramente l'indice di coinvolgimento, ossia quel dato che ci mostra quali sono gli utenti più attivi e propensi a determinate azioni ( click, aperture dei messaggi, partecipazioni ad eventi, survey online etc.) all'interno del database.

 

L'indice di coinvolgimento o engagement index è un dato non trascurabile che permette di inviare le comunicazioni in maniera mirata evitando il così detto "mass mailing" ed ottenendo così ritorni interessanti.

 

Un altro dato che aiuta la segmentazione del database è il target behavior, se vogliamo un parametro complementare all'indice di coinvolgimento che permette la suddivisione per gruppi di appartenenza all'interno del database ( chi clicca di più sui link, chi partecipa a survey online, chi effettua acquisti, chi si iscrive agli eventi online).

 

Sulla base di queste elementi è dunque possibile avere una panoramica completa del proprio database di contatti, inviando comunicazioni totalmente personalizzate ed amministrando i dati in proprio possesso sulla base dei riscontri statistici.

 

Questa tecnica si rivela molto utile in tutti quei casi dove il budget a disposizione, il tempo e le risorse dedicate sono limitate, utilizzare una piattaforma che offre la possibilità di avere statistiche avanzate basate sul coinvolgimento e la targetizzazione del database si rivela fondamentale.