Mercoledì 3 ottobre alle ore 16.30  presso Palazzo Mazzancolli- chiusura della mostra  “Corpus Ceramicus- Limoni” del Maestro Igor Borozan per le Giornate Europee del Patrimonio 2012.  ...

Sotto la camicia… Ascolta! Il nemico non tace

postato da BatTerni il 26/09/2012
Categoria: Eventi - tags: arte

 

 

Mercoledì 3 ottobre alle ore 16.30  presso Palazzo Mazzancolli-

chiusura della mostra  “Corpus Ceramicus- Limoni” del Maestro Igor Borozan per le Giornate Europee del Patrimonio 2012.

 

Attori: Edmund ZIMMERMAN, Costanza FARRONI e Stefano de MAJO

Musiche dal vivo: ELDAR

 

In occasione della chiusura dell’evento  “Corpus Ceramicus – Limoni” del maestro Igor Borozan inserito nel contesto delle Giornate Europee del Patrimonio 2012, verrà presentata al pubblico una performance tratta dall’omonimo spettacolo teatrale di Stefano de Majo.  In scena da due anni, dopo aver debuttato l’11 agosto 2010 di fronte ai rifugi bellici della passeggiata, ha riscosso consensi al Festival internazionale di Todi del 2010, ed è stato replicato lo scorso 23 giugno all’interno del Palazzone di viale Brin, di fronte ad un folto pubblico,  che ha riempito il teatro urbano a cielo aperto, completo di platea-cortile e loggioni-ballatoi,  che lo storico palazzo costituisce naturalmente.

In quell’occasione la piéce si avvalse della collaborazione del Maestro Igor Borozan che produsse appositamente una sua opera, evocando una gigantesca camicia di guerra privata del corpo e simbolo dei 108 bombardamenti subiti da Terni.

 

Le toccanti estrapolazioni dallo spettacolo che costituiranno la performance degli attori e dei musicisti, rappresenteranno così il dramma vissuto da un'intera città, che pagò  a caro prezzo il suo alto sviluppo industriale tanto da renderla un primario obiettivo militare al pari di Dresda, Londra, Roma e Milano.

Ma è anche il dramma silenzioso dei giovani piloti statunitensi, espresso nei versi strazianti di Pinter, e nelle meste parole  di Zimmerman.

 

Non  solo mera rievocazione del dramma di una città martoriata come poche altre al mondo da ben 108 bombardamenti al tappeto,  ma occasione per ergere la tragedia ternana a simbolo di un dramma più ampio,  che deve essere tramandato a futura memoria, quello universale che tutti accomuna ieri come oggi, vinti e vincitori, cittadini e soldati, l’uomo… ed il suo stesso nemico, perché:

“ … vincesti la guerra, perdesti la pace. Uomo ascolta! Il nemico non tace.”