In un’intervista rilasciata ad Askanews il fondatore e Presidente di QUI! Group Gregorio Fogliani promuove lo smart working, sperimentato con successo nelle filiali di Roma e Napoli
postato da articolinews il 27/07/2017
Categoria: Servizi - tags: gregorio fogliani + qui goup

Lo smart working è legge: Askanews intervista il fondatore e Presidente di QUI! Group Gregorio Fogliani che ha scelto di adottare il "lavoro agile" nelle sedi di Napoli e Roma.

L'imprenditore Gregorio Fogliani

QUI! Group scommette sullo smart working: l'intervista al Presidente Gregorio Fogliani

Riduce l'assenteismo e aumenta la produttività dei dipendenti, contribuendo a migliorare il clima aziendale. Gregorio Fogliani, Presidente e fondatore di QUI! Group, promuove lo smart working, come dichiara in una recente intervista ad Askanews rilasciata in occasione dell'approvazione del Ddl sul "lavoro agile". Dati alla mano il manager sottolinea come tale metodologia di lavoro influisca positivamente sul potenziale produttivo dei dipendenti, con una crescita dal 15 al 20%, perché "il lavoratore soddisfatto produce di più e sviluppa un forte senso di appartenenza nei confronti dell'azienda". Non a caso QUI! Group ha già attivato diversi progetti di smart working nelle sedi di Napoli e Roma: esperienze che si sono rivelate particolarmente utili, in quanto hanno permesso al gruppo specializzato nella fornitura di servizi di welfare aziendale e sistemi di pagamento di "trattenere i migliori talenti e a favorire la conciliazione tra vita professionale e privata dei lavoratori e delle lavoratrici". Gregorio Fogliani ha spiegato che per raggiungere l'obiettivo è stato necessario adottare modalità innovative: "Per far sì che il diritto alla disconnessione fosse rispettato, per esempio, abbiamo stabilito che la giornata lavorativa, durante i giorni di smart working, debba rispettare lo stesso orario flessibile della sede di lavoro di appartenenza. Inoltre, non è consentito effettuare ore di straordinario durante i giorni di smart working. Così si evita il rischio che il lavoratore rimanga connesso anche oltre l'orario di lavoro". Nell'intervista, il Presidente di QUI! Group ha inoltre voluto mettere in evidenza due aspetti che ritiene fondamentali. Oltre a impattare in maniera positiva sull'ambiente (agevolando una diminuzione dei trasporti aiuta a ridurre l'emissione di sostanze nocive e ad abbattere lo spreco energetico), il "lavoro agile" si rivela particolarmente vantaggioso per le quote rosa. "Alle donne, molto spesso, viene chiesto di scegliere tra la carriera e la famiglia, come se l'una escludesse per forza l'altra. La legge sullo smart working dice no a questa logica e apre nuovi orizzonti" ha spiegato Gregorio Fogliani, da sempre attento a questo tema: in QUI! Group le dipendenti rappresentano infatti il 70% del totale delle risorse.

Welfare aziendale: la crescita di QUI! Group, fondata da Gregorio Fogliani

Fondata a Genova nel 1989 da Gregorio Fogliani insieme ad altri imprenditori, QUI! Ticket Services si occupa inizialmente di buoni pasto e titoli di legittimazione. Grazie all'impulso dato dal manager, negli anni Novanta la società cresce esponenzialmente: puntando su una strategia che unisce innovazione e potenziale tecnologico, riesce ad ampliare il proprio business e a dare vita a nuove realtà che la portano nel tempo a consolidarsi come gruppo, denominato QUI! Group. Tra queste QUI! Financial Services, attiva nella fornitura di sistemi di pagamento come POS, carte prepagate e altri strumenti di monetica. Il 2004 è per QUI! Group un anno importante: immettendo per primo nel mercato il buono pasto elettronico, contribuisce a dare una rilevante svolta all'intero settore. Fanno parte del gruppo anche Paybay, nata con l'obiettivo di sviluppare piattaforme ad alto contenuto tecnologico e Welfare Company, specializzata in welfare aziendale, sociale e pubblico. Oggi il gruppo guidato da Gregorio Fogliani è il primo del mercato a capitale a maggioranza italiano e il secondo nella classifica delle aziende del settore dei buoni pasto a livello nazionale: nel 2016 il gruppo di Genova è stato ammesso al programma ELITE di Borsa Italiana, dedicato alle eccellenze del Paese.

Fonte: https://gregoriofogliani.wordpress.com/