Ancora una volta Milano accoglie con rinnovato entusiasmo ed affetto, le opere di Salvatore Fiume (1915 - 1997), che mostrano e testimoniano il fantasmagorico....
postato da claudio alessandri il 03/12/2010
Categoria: Cultura e Società - tags: cultura
salvatore fiume, somale

Salvatore Fiume, un modernismo legato al passato

 Claudio Alessandri 

Ancora una volta Milano accoglie con rinnovato entusiasmo ed affetto, le opere di Salvatore Fiume (1915 – 1997), che mostrano e testimoniano il fantasmagorico “percorso artistico” dal 1950 agli ultimi anni del 1990. Un percorso sufficientemente ampio per contenere le varie fasi dell’espressione artistica di questo grande Maestro del secolo scorso.

Le 45 opere che fanno parte dell’esposizione, mostrano dipinti ad olio su masonite, ma anche disegni e sculture che completano una visione esauriente dei soggetti maggiormente cari a Fiume. Si coglie il nuovo, l’invenzione delle Città formate da statue, una visione trasognata dall’espressione metafisica degli anni ’50, come le forme antropomorfe, e zoomorfe ricavate dalla comune pietra o dal nobile marmo, dello stesso periodo.

La donna diviene per Fiume un grande spazio geografico, tutto da osservare, ammirare e studiare. E ecco nascere le fanciulle somale dalle membra eleganti e flessuose, che esprimono grande dignità e consapevolezza della loro avvenenza, anche le geishe giapponesi stimolano il richiamo femminino di Fiume, proseguendo nel mondo asettico delle modelle che il Maestro caratterizza con il rosso dei capelli e delle calze, un colore vivido che contrasta apertamente con la pelle, quasi diafana che attrae e stimola pensieri fra l’estetico e la sessualità, quindi si giunge alle bellissime fanciulle medio orientali, parzialmente velate, dai grandi occhi neri e dalle labbra coralline, attentamente osservate da un sultano, custode e padrone di un harem popolato da fiori carnali, favole vissute nelle “Mille e una notte”.

La mostra è una sorta di anticipazione, per poi proseguire in seguito in contemporanea, la prestigiosa “antologica” dedicata a Salvatore fiume che verrà ospitata nello Spazio Oberdan della Provincia di Milano che verrà inaugurata a metà dicembre, voluta e sostenuta dalla Fondazione Salvatore Fiume, collaborata da Artesanterasmo, che seguirà l’antologica del 2008 ospitata dallo spazio di grande prestigio del Museo di Arezzo.

 Il titolo della mostra “ un classico moderno”, riassume compiutamente il percorso artistico di questo grande Maestro, è evidente, nelle sue opere, il richiamo del classico condotto in chiave moderna, non sono assenti le suggestioni di un’arte concepita da una sensibilità primigenia, si osserva il richiamo del Rinascimento italiano, della inconfondibile pittura iberica, quindi, inevitabile, quella contemporanea, e eco Picasso e De Chirico, gli artisti più vicini spiritualmente e tecnicamente a Fiume.

Fiume coglie l’essenza delle opere dei due grandi Maestri, per riversarla in nuove soluzioni che vanno incontro alla necessità del nuovo, una pittura che pur abbandonando la influenza delle esperienze del passato, torna a quei legami, ma rinnovati, sempre figli di nobili trascorsi, impossibili da accantonare a guisa di oggetti da cantina.

La mostra è visitabile fino al 19 febbraio 2011 presso la Galleria Artesanterasmo, Via Cubani 8, Milano.

 

Fonte: http://www.italiainformazioni.com/giornale/cultura/111194/salvatore-fiume-modernismo-legato-passato.htm