Tempi davvero duri per Berlusconi, talmente duri che neanche prende più il viagra. I suoi nemici stavolta stanno strumentalizzano un atto di grandissima umanità verso Ruby, diciottenne marocchina...
postato da satiraglio il 06/11/2010
Categoria: Italia - tags: berlusconi + escort + ruby + satira
ruby rubacuori

Tempi davvero duri per Berlusconi, talmente duri che neanche prende più il viagra. L’opposizione, con la solita vocina in falsetto, lo accusa: “Il premier non fa nulla”, la stampa faziosa spara: “Il premier non fa nulla ma frequenta donnacce”, i soliti comunisti rubicondi che si cibano di banchieri in fasce rincarano:  “Il premier non fa nulla ma frequenta donnacce minorenni”.

Accuse infamanti e insopportabili, stando ai dati di Gasparri e dei Teletubbies. Il governo Berlusconi negli ultimi 10 mesi ha fatto ben 10 leggi, tutte rigorosamente in linea col programma: il numero dei parlamentari è diminuito, le province sono state abolite, le tasse sono state abbassate. Devo solamente cercare di spiegarlo a mio nonno che continua a dare vigorose testate contro il portone del palazzo della provincia perché paga troppe tasse e perché dice che i parlamentari sono così tanti che non riesce neanche a decidere  contro chi inveire.

Ma lasciamo pure stare il lodevole operato del governo del fare dopo. Perché accusano Silvio? E’ un reato intrattenersi con delle belle ragazze? Dopotutto a ognuno di noi è capitato di ospitare una minorenne marocchina sponsorizzata da Lele Mora e di darle 7000 euro in contanti per questioni di buon cuore. A me personalmente no, ma a Lapo, ad Adriano e a Robinho si.

Tutti pronti ad accusare Silvio. Nessuno sottolinea il suo gesto di grandissima umanità quando, in piena notte, ha chiamato la questura per sollecitare l’affidamento di Ruby al consigliere regionale Nicole Minetti. Quanto è buono Silvio! L’avrebbe fatto anche se, al posto della diciassettenne marocchina alta 1,80 m, col fisico da modella e le tette grandi, ci fosse stato un rumeno peloso e grassoccio. Che cuore grande che ha Silvio, ha un cuore grande quasi quanto il debito pubblico italiano. 

E allora perché osate ancora criticarlo? Non è mica colpa sua se le ragazzine gli cadono ai piedi, se tutte giacciono bramose del redditizio seme di Arcore, se tutte desiderano vedere la spada del cavaliere. Presidente, non si arrenda! Vada sempre avanti! La pensano così anche a Terzigno, a Termini Imerese, a Pomigliano, in Sardegna. Vada avanti presidente! Che se si ferma c’è un paese che la insegue pronto a linciarla.

Fonte: http://satiraglio.ilcannocchiale.it/2010/11/06/ruby_maior_minor_cessat.html