Con gli interventi moderni la rinoplastica a Napoli è diventata un’operazione chirurgica molto meno invasiva, senza ricovero in ospedale e con tempi di recupero relativamente brevi: non sono molte...

Rinoplastica a Napoli: precauzioni da seguire

postato da nando11 il 09/11/2012
Categoria: Salute e Benessere - tags: rinoplastica napoli

Con gli interventi moderni la rinoplastica a Napoli è diventata un’operazione chirurgica molto meno invasiva, senza ricovero in ospedale e con tempi di recupero relativamente brevi: non sono molte quindi le precauzioni a cui ci si deve attenere dopo un intervento di rinoplastica a Napoli, ma quelle che vi riportiamo, sono da seguire scrupolosamente. Innanzitutto sfatiamo un mito e cioè quello dell’esposizione della zona interessata dall’intervento di rinoplastica a Napoli ai raggi diretti del sole: quando i lividi sono scomparsi del tutto e questo avviene dopo circa un mese, il sole si può prenderlo tranquillamente. Sono infatti i lividi che se esposti possono causare macchie permanenti sulla pelle, ma scomparsi quelli non c’è più alcun pericolo.

 

Il gonfiore del naso: un gonfiore abbastanza rilevante si può evidenziare nel periodo immediatamente successivo all’intervento di rinoplastica a Napoli e può persistere anche per diverse settimane. Al momento non ci sono metodi per evitare la sua formazione o per tentare di mascherarlo, se non con prodotti a base di elementi naturali come il concentrato di ananas che si trova tranquillamente in farmacia. I lividi ed un certo arrossamento, possono comparire sotto gli occhi e durare per al massimo per una trentina di giorni; questi perlomeno si possono nascondere con dei correttori, l’unico accorgimento è quello di acquistare prodotti specifici in farmacia. Altro mito da sfatare è quello del dolore tremendo che si patisce dopo un intervento di rinoplastica a Napoli: con le moderne tecnologie e gli attuali farmaci analgesici, l’operazione è praticamente indolore. Di certo si può avvertire una sensazione di fastidio, che può accompagnarsi ad una leggera emicrania, ma il dolore che si pativa anni or sono, non esiste più.

 

Ovviamente l’attività fisica deve essere interrotta per qualche tempo, per 2 mesi per la precisione, per permettere la stabilizzazione definitiva della struttura ossea del naso: per quanto riguarda quegli sport violenti, tipo pugilato e rugby, numerose ricerche hanno evidenziato un indebolimento permanente dello scheletro osseo del naso a causa dell’intervento di rinoplastica a Napoli e quindi alcuni sport andrebbero evitati per sempre. La cosa che però preoccupa la maggior parte dei pazienti è il sapere quando potranno riprendere a soffiarsi il naso: qui non esiste un tempo preciso, perché dipende da molti fattori. Normalmente la guarigione del naso avviene in 10 giorni e quindi dopo questo periodo si può normalmente riprendere a soffiarsi il naso, ma in caso di interventi circoscritti, anche dopo 3 giorni.