Renzi: «È evidente che il mio consenso personale non è più quello del 2014»
postato da BEZZIFER il 19/12/2017
Categoria: Italia - tags: politica

Renzi: «È evidente che il mio consenso personale non è più quello del 2014»

Matteo Renzi ha parlato al Corriere del Partito Democratico e dei sondaggi che lo danno in calo da mesi.

Da quando c’è uno straccio di alternanza al governo, nessuno schieramento ha mai governato per due legislature di fila. Quindi tanto vale concentrarsi sul far arrivare al termine la legislatura facendo qualcosa, invece di cercare una improbabile riconferma. Non siamo la Germania di Kohl (16 anni di governo) Schroeder (7) e Merkel (12 finora) . Così Renzi ha fatto, non ha tirato a campare per non tirare le cuoia. Come andranno queste elezioni… Boh, lo sapremo il 5 marzo.

Renzi:Io non giro intorno ai temi, non è mio stile. È evidente che il mio consenso personale non è più quello del 2014. Ma le dico con totale sincerità che se è vero che il grafico del mio gradimento è sceso, è altrettanto vero che è salito il grafico degli occupati, del Pil, della fiducia, degli investimenti. Non farei a cambio: meglio aver perso qualche punto io che qualche posto di lavoro l’Italia. Il miracolo di questi anni è stato reso possibile dal Pd. Che è anche Gentiloni, è anche Minniti, è anche Delrio, è anche Franceschini. E tutti gli altri. Ovvio che allora in campagna elettorale questi ci metteranno la faccia e il cuore nei collegi. Siamo una squadra forte, altro che discorsi: i nostri candidati saranno i più competitivi.

Commento controcorrente.Se non siete elettori (reali o potenziali) del PD, ovvero se non votereste PD mai e poi mai, nemmeno sotto tortura, la vostra opinione è abbastanza inifluente (così come lo è l’opinione di uno di sinistra quando critica Salvini o Berlusconi o viceversa). Il messaggio non è per voi, ergo il sarcasmo che manifestate lascia il tempo che trova (soddisfa solo il vostro desiderio di sentivi superiori).
In realtà la comunicazione è molto più sottile.
– sta parlando ai suoi potenziali elettori. queli che gli hanno già dato il voto almeno in due occasioni (europee e riforma costituzionale) e che presumibilmente aspirerebbero a trovare conferme sulla corretezza della loro scelta
– per questo sta spostando l’attenzione della polemica dalla questione del calo dei consensi alla questione dei dati macroeconomici
– il sottinteso è che il calo dei consensi è una conseguenza dell’azione di governo e la questione viene volta in positivo: “abbiamo lavorato bene, i dati ci danno ragione, se abbiamo un calo dei consensi è per motivi di naura diversa dalla oggettività dei fatti”

In sostanza sta dicendo persino una cosa corretta che dovrebbe valere per tutte le elezioni. Intendo dire che sta dicendo che la discussione politica dovrebbe (vivaddio) concentrarsi di più sui temi concreti invece che di gossip e proiezioni.
Ora  capisco che voi (che leggete HP o FQ con Renzi sia facile pensare “da che pulpito…” però i lettori di certi giornali seri dovrebbero essere ormai abbastanza vaccinati da questa fallacia cognitiva.

Bisognerebbe rassegnarsi al fatto che il 99% delle nostre opinioni sono derivanti da informazioni parziali, mediate e difficilmente verificabili. Quindi, anche quando sono il frutto di approfondimenti accurati (difficilissimo da fare se sei un umile elettore nei confronto del lavoro di un governo) le nostre non sono altro che opinioni personali sulle quali si può essere d’accordo o in disaccordo (oppure, più correttamente una sfumatura qualisiasi tra le due posizioni).
Nulla di male in questo, però mi sembra che manchi spesso l’umiltà di ammetterlo.
Inoltre un altro passo di onestà intellettuale sarebbe anche ammettere quanto la propria opinione è minata da un pregiudizio.
Se qualcuno afferma che il governo è largamente deficitario ha un valore diverso se a dirlo è uno che non ha mai appoggiato il governo (o non lo ha votato) oppure se è uno che invece all’inizio ne era un sostenitore.
Voi che contestate tutto e di tutto ciò che ha fatto RENZI in che fascia vi collocate?
Intendiamoci, secondo me voi potreste anche avere ragione su un bel numero di aspetti. Ma se per esempio voi siete persone che non ha mai votato Renzi (magari votate a dx, oppure siete della sinistra antagonista, oppure grillino, oppure semplicemente agnostico), mi dite che valore ha la vostra opinione in questo caso? che valore ha per Renzi che ha bisogno di compattare i suoi elettori?
è lo stesso meccanismo opposto che dovrebbe fare capire perchè Salvini, Grillo, Berlusconi, se ne escono spesso con affermazioni che possono apparire discutibili ma che hanno un senso se lette dal punto di vista dei loro elettori.

In questo caso però Renzi sta offrendo a tutti almeno alcuni dati oggettivi: i provvedimenti che ha portato avanti (sui quali si può liberamente giudicarne il risultato) e i numeri macroeconomici come il PIL o la disoccupazione (sui quali si può obbiettare che derivino da congiuture estranee all’azione di governo e che il governo ha semmai frenato numeri che avrebbero potuto essere anche migliori, ecc.).
Il punto è che sarebbe anche bello (e aiuterebbe anche i nostri politici a migliorare la loro comunicazione elettorale) se anche noi che commentiamo cominciassimo ad abbandonare gli slogan.

Ecco perché e una cosa positiva che lo ammetta il suo calo di consensi, sarebbe positivo da parte degli altri ammettere di esserlo, almeno lui un passo avanti lo ha fatto, adesso dovrebbero essere gli denigratori da tastiera a prendersi le loro responsabilità.Comunque guardate che il PD non ha perso 7 punti in pochi mesi. C’è stato un calo dopo MDP, recuperato in parte, e una erosione di 5 punti circa da maggio fino ad adesso, a destra, in parte recuperati con le liste collegate al PD. Ad occhio sono intorno al 29-30%, come a maggio.

VOI blateroni del no a prescindere dite.Poteva aspettare e (stra) vincere le prossime elezioni.Invece lui e i suoi consiglieri sono stati impazienti e hanno commesso una serie di errori strategici che Renzi sta pagando adesso dite voi! A molti sfugge che scegliendo questa soluzione Renzi sarebbe stato per 4 anni alla guida di un partito che sosteneva un governo pessimo, bersagliato da opposizioni e minoranza interna, e poi si sarebbe andati a votare col proporzionale, ergo sarebbe stato costretto alle larghe intese anche prendendo il 40%. Larghe intese per larghe intese, meglio provarci adesso senza 4 anni di polemiche in mezzo e con l’Italia senza 4 anni di recessione in più sul groppone.La gente del 40% cè ancora ed è quella che guarda ciò che ha fatto il PD in questi anni di recessione,e cosa hanno fatto gli altri governi in periodi di vacche grasse.

Il problema semmai è… se non Renzi chi? Uno meglio di lui come segretario del PD e/o come PresDelCons non saprei proprio chi possa esserci al momento. Per quanto mi piaccia personalmente Gentiloni senza Renzi dietro non so quanto potrebbe fare.
Ma tanto è un falso problema, a questo giro vincerebbero le destre anche se nel PD ci fosse il ticket Putin e Megan Fox.

SIATE ONESTI E AMMETTETE CHE.Nessun presidente del consiglio ha avuto la famiglia colpita da indagini con prove falsificate. Mai, mentre il debito pubblico aumentava di 5-6 punti di pil l’anno, i giornali titolavano ogni mese “nuovo record del debito pubblico” mentre lo hanno fatto per tre anni sotto il governo Renzi (0,2 punti di aumento annui).
Mai si sono viste tante contorsioni mentali per trovare lati negativi nell’aumento dell’occupazione, con tesi balzane arrivate perfino in quest’isola felice che è il post secondo cui l’occupazione aumentava solo perché aumentava l’età pensionabile.
Pierluigi Boschi e figlia hanno avuto cento volte più titoli sulla crisi bancaria di Zonin e MPS messi insieme, a fronte di un impatto reale sulla crisi bancaria pari a zero.
La maggior parte delle persone, persone con cultura medio alta e laureate, è davvero convinta che tutti i posti di lavoro creati siano a tempo determinato. E’ convinta che la maggior parte dei neo assunti lavori poche ore a settimana. E’ convinta che il debito con Monti e Letta diminuisse ed abbia ricominciato a galoppare con Renzi. E’ convinta che Renzi abbia speso centinaia di migliaia di euro della provincia di Firenze in cene con sua moglie, è convinta che Renzi abbia avuto l’incarico da Berlusconi di distruggere la sinistra italiana, è convinta di una quantità enorme di baggianate colossali, semplicemente perché tutta l’informazione le ha ripetute ossessivamente per quattro anni.
Abbiamo letto per un anno di accordi segreti tra Renzi e Berlusconi per eleggere Amato alla presidenza della Repubblica e poi quando è stato eletto Mattarella si è fatto finta di niente. Abbiamo letto per un anno che gli 80 euro sarebbero stati aboliti perché non c’era copertura. E così via, e così via, e così via.

Fonte: http://http://bezzifer.myblog.it/2017/12/19/da-quando-ce-uno-straccio-di-alternanza-al-governo-nessuno-schieramento-ha-mai-governato-per-due-legislature-di-fila-quindi-tanto-vale-concentrarsi-sul-far-arrivare-al-termine-la-legislatura-facen/