La psicologia inversa è una tecnica per ottenere l'esatto contrario di quello richiesto. Questa tecnica si basa sul fenomeno psicologico di reattanza, in cui una persona ha una risposta negativa...
postato da danielet il 28/08/2012
Categoria: Utilità - tags: educazione + psicologia
Non guardare qui. Ecco come funziona la psicologia inversa

La psicologia inversa è una tecnica per ottenere l'esatto contrario di quello richiesto. Questa tecnica si basa sul fenomeno psicologico di reattanza, in cui una persona ha una risposta negativa emotiva in reazione al persuaso, e quindi sceglie l'opzione che viene sostenuto contrariamente.

Il fenomeno di reattanza si verifica quando una persona sente che qualcuno o qualcosa sta eliminando le scelte o limitare le alternative.

La psicologia inversa è spesso usata sui bambini a causa della loro tendenza a rispondere con reattanza, il desiderio di libertà e ribellione porta all'azione contraria a quello indicato dal genitore. Alcuni genitori ritengono che la strategia migliore è quella di utilizzarla poco e quando è strettamente necessaria. 

Molti dubbi però vengono sollevati perchè in effetti la psicologia inversa implica una manipolazione della mente del bambino ottenendo un comportamento anomalo e niente di costruttivo, minando anche l'autorità del genitore.

Spesso esempi di psicologia inversa vengono utilizzati nella serie TV The Simpson. In un episodio della Terza Serie, Homer ha una conversazione con il suo cervello dopo la lettura di un passo del libro sulla paternità consigliato Bill Cosby:

  • Cervello di Homer: Non lo capisci? Devi usare la psicologia inversa.
  • Homer: Dooh suona troppo complicato.
  • Cervello di Homer: OK, non usare la psicologia inversa.
  • Homer: Va bene, lo farò!

La psicologia inversa non funziona correttamente su tutti gli individui. L'effetto sui bambini è veloce, immediato ma i risultati che si ottengono sono spesso temporanei e non duraturi.

Fonte: http://lostellissimo.blogspot.it/2012/08/non-utilizzare-la-psicologia-inversa-su.html