Quali sono i vantaggi dell'Ecobonus 2017? Chi ne ha diritto? Qual'è la documentazione necessaria e dove presentarla. Tutte le informazioni sugli incentivi fiscali per caldaie e riscaldamento.
postato da claudia5 il 31/08/2017
Categoria: Servizi - tags: caldaie + ecobonus 2017 + incentivi fiscali + riscaldamento

Grazie all'Ecobonus 2017 è possibile risparmiare su tutti gli investimenti finalizzati a riqualificare dal punto di vista energetico gli immobili. Tra questi, oltre al cambio dei serramenti e all'installazione di pannelli solari, vi è anche la sostituzione della vecchia caldaia con una di ultima generazione a condensazione, biomassa o pompa di calore. Questo cambio dà diritto a una detrazione IRPEF minima del 50% che può raggiungere il 65% se inserita all'interno di un intervento più ampio.

 

Questa legge di bilancio nasce proprio con l'obiettivo di aumentare la classe energetica del maggior numero possibile di case italiane, e infatti è stata prorogata fino a dicembre 2017.

 

L'Ecobonus 2017 prevede un rimborso del 65% per chi cambia la propria vecchia caldaia con una nuova caldaia a condensazione. Tale rimborso avverrà in dieci anni, tramite detrazione dall'imponibile IRPEF della 65% dei costi totali che riguardano sia acquisto che installazione del nuovo impianto.

 

La scelta di promuovere e aiutare finanziariamente questo tipo di lavori, nasce dal bisogno continuo di trovare energie nuove e pulite, e di ridurre al massimo il consumo delle fonti tradizionali.

 

Il risparmio sulla bolletta sarà visibile fin da subito. Le nuove tecnologie non solo sono meno inquinanti, ma sono anche vantaggiose dal punto di vista economico. Con l'installazione di una caldaia a biomassa e sistemi ibridi a pompe di calore si può ridurre la bolletta fino al 40% rispetto a quanto si spendeva con i riscaldamenti tradizionali.

 

Ottenere i rimborsi previsti dall'Ecobonus è semplice. Per prima cosa il pagamento deve essere tracciabile, va benissimo un bonifico. Poi ci sono alcuni documenti che vanno con l'acquisto della nuova caldaia, e che devono essere inoltrati all'ENEA in forma telematica entro e non oltre 90 giorni dalla data di fine lavori. I documenti sono i seguenti:

 

  1. APE (nuovi dati realtivi all'efficienza energetica)
  2. Ricevute di avvenuto pagamento dei lavori
  3. Attestazione di Asseverazione (certificato del corretto svolgimento dei lavori)

 

Le detrazioni previste dall'Ecobonus 2017 sono applicabili anche ai lavori che si svolgono a livello condominiale che hanno come obiettivo il miglioramento energetico del palazzo e sono in vigore fino al 31 dicembre 2021. Vi sono però alcune differenze da tenere presenti.

 

Per i condomini, se i lavori riguardano la prestazione energetica invernale si ha diritto a una detrazione del 75%, mentre per i lavori di riqualificazione energetica delle parti comuni la detrazione sarà del 65%. Per tutto ciò che riguarda il rivestimento si arriva fino al 70%. Si tratta di incentivi importanti, di cui potrà beneficiare a lungo termine l'intero condominio.

Fonte: https://www.habitissimo.it/idee/incentivi-caldaie-proroga-dell-ecobonus-2017