I prestiti INPDAP, sebbene dipendenti dalla liquidità annuale resa disponibile dall’ente, risultano la soluzione migliore per tutti i dipendenti statali. E su questo vige la certezza. Quello che...

Prestiti, l’Inpdap rateizza il canone ai propri pensionati

postato da saramoca il 16/11/2010
Categoria: Finanziamenti e Prestiti - tags: prestiti inpdap + prestito

I prestiti INPDAP, sebbene dipendenti dalla liquidità annuale resa disponibile dall’ente, risultano la soluzione migliore per tutti i dipendenti statali. E su questo vige la certezza. Quello che spesso non viene considerato come finanziamento sono quelle particolari iniziative dell’Inpdap, rivolte ad alcune fasce di popolazione da essa dipendente, che soddisfano determinate condizioni e permettono ai consumatori di poter usufruire di un rateizzazione relativa a specifiche tipologie di consumi.

Tutto questo serve ad introdurre la nuova iniziativa dell’ente: l’Inpdap infatti ha rateizzato in undici mini rate mensili il canone rai a tutti i suoi pensionati che nel 2010 non abbiano superato i 18mila euro di reddito. Ovviamente il piano di ammortamento del pagamento che, in caso la domanda venisse accettata, partirebbe dal gennaio 2010, è basato sull’effettiva pensione dell’iscritto all’ente. Ed in caso di insufficienza di liquidità, quest’ultimo provvederà a mettere in contatto il pensionato con l’agenzia delle entrare per il saldo finale della bolletta.

Coloro che hanno consegnato la domanda entro lo scorso 15 novembre alla propria sede Inpdap sapranno se sono stati considerati “eleggibili” alla iniziativa e lo informerà dell’avvenuta accettazione entro e non oltre il 15 gennaio del 2011. Questa iniziativa può essere intesa genericamente come una sorta di mini prestito finalizzato la cui ammortamento è stato calcolato su base mensile per la durata di 11 mesi. Una piccola scorciatoia in grado di aiutare tutti quegli anziani che non riescono a far fronte, all’inizio dell’anno, al pagamento del canone Rai.