Confrontare, esaminare e scegliere: è questa la formula perfetta che distingue un finanziamento su misura da un finanziamento sprovveduto. Il confronto dei prestiti online rappresenta...

Prestiti a confronto, vince il più conveniente

Confrontare, esaminare e scegliere: è questa la formula perfetta che distingue un finanziamento su misura da un finanziamento sprovveduto.

Il confronto dei prestiti online rappresenta un'operazione preliminare, tanto semplice quanto necessaria (soprattutto per i non addetti ai lavori) qualora si decida di accedere ad un finanziamento. Dipendenti pubblici, privati, statali o anche pensionati: tutti possono richiedere ed esaminare il proprio preventivo online in pochissimi click, comodamente dal computer di casa e inserendo pochi semplici dati; il tutto senza l’obbligo di recarsi nelle filiali.

Attraverso l’ausilio di appositi siti che offrono servizio di comparazione, è possibile effettuare il calcolo della rata, confrontare e richiedere il preventivo online che meglio soddisfa le proprie esigenze. Consolidamento debiti, ristrutturazione casa, acquisto auto/moto e molto altro insieme alla competitività di tassi di interesse, che per questa modalità di credito al consumo, sono generalmente più bassi. In caso di cessione del quinto poi, essere stati segnalati come cattivi pagatori non è affatto un ostacolo. I protestati possono ottenere un prestito se, e solo se, sono lavoratori dipendenti in quanto la cessione del quinto dello stipendio, con trattenuta automatica sulla busta paga, è un’ottima garanzia per l’istituto di credito che concede il prestito.

Altra forma di finanziamento (seppur molto simile alla cessione) è la “delega di pagamento”: si tratta di una soluzione creditizia che consente ai lavoratori dipendenti di soddisfare le proprie esigenze economiche. Viene concessa anche a coloro abbiano già una cessione del quinto in corso ed è rivolta ai dipendenti di tutte le tipologie di enti: pubblici, statali e privati.

Si tratta di un prestito che consente di ottenere una disponibilità finanziaria aggiuntiva alla cessione del quinto, ma a differenza di quest’ultima, la delega di pagamento non è un diritto del dipendente: viene concessa solo previa accettazione del datore di lavoro. Per ottenere questa forma di finanziamento non sono necessari garanti: la garanzia primaria infatti risiede nella busta paga del lavoratore stesso, dalla quale viene detratta a cadenza mensile la rata di rimborso.

Come per la cessione, anche la delega ha una dilazione di restituzione massima pari a 120 mesi.