I mercati finanziari tornano a guardare con interesse anche a ciò che sta succedendo sl fronte petrolifero. Negli ultimi giorni l'attenzione è stata chiaramente rivolta alle vicende riguardanti la...

Petrolio, si avvicina la fine dell'accordo OPEC. Verrà rinnovato?

postato da serpentediterra il 26/04/2017
Categoria: Finanza - tags: brent + greggio + petrolio + wti
petrolio

I mercati finanziari tornano a guardare con interesse anche a ciò che sta succedendo sl fronte petrolifero. Negli ultimi giorni l'attenzione è stata chiaramente rivolta alle vicende riguardanti la politica europea. Una volta incassato il successo del centrista Macron in Francia, la paura di una Frexit è passata. La conseguenza è che negli investitori è tornata la voglia di rischio. 

La seconda conseguenza è stata l'impennata del'euro nel Forex market (a proposito, quando fare trading valutario siate sempre consapevoli di cos'è la leva finanziaria forex), e la terza che si è allentata la pressione di acquisti per quel che riguarda le materie prime. Tra queste spiccano oro e petrolio.

Lo scenario del mercato petrolifero

Riguardo al mercato petrolifero, possiamo dire che sta per entrare in una nuova fase molto calda. Infatti a fine maggio è previsto un nuovo meeting del OPEC per decidere se allungare o meno il piano di riduzione della produzione. Finora questa misura ha avuto gli effetti sperati, visto che l'oro nero è tornato attorno quota 50 dollari al barile.

Nel corso degli ultimi mesi, i migliori segnali opzioni binarie gratis affidabili spesso hanno suggerito di puntare sull'aumento del petrolio. E ci hanno indovinato. Tuttavia alcuni fattori hanno impedito alla quotazione di Brent e WTI di salire verso quota 55 dollari.

Secondo l'ottica di molti analisti di mercato, anche se venisse prolungato il piano di contingentamento della produzione, questo potrebbe non avere grandi effetti visto che l'eccesso di offerta è rimasto tale. Questo a causa del forte incremento della produzione da parte delle compagnie petrolifere degli Stati Uniti.

Ecco perché da un punto di vista tecnico, nel breve periodo il quadro del petrolio sembra contrastato. Un potenziale allungo trova un ostacolo forte a quota 52,90-53 dollari. La rottura del supporto a 52 dollari, potrebbe invece innescare una problematica discesa.