Le pareti fonoassorbenti ufficio permettono di creare un ambiente lavorativo ottimale, grazie all’attenuazione di tutti i piccoli rumori quotidiani e, soprattutto, del rumore di fondo

Pareti fonoassorbenti ufficio: descrizione e funzionalità

postato da Mariele il 18/01/2018
Categoria: Lavoro - tags: arredamento + isolamento acustico
pareti fonoassorbenti ufficio

Le pareti fonoassorbenti ufficio permettono di creare un ambiente lavorativo ottimale, grazie all’attenuazione di tutti i piccoli rumori quotidiani e, soprattutto, del rumore di fondo, che amplificato da spazi aperti e corridoi, può costituire una fastidiosa distrazione.

I pannelli fonoassorbenti diventano anche un elemento estetico: sono di piccolo spessore, e si possono rivestire con stoffe e pellami di vario genere, in diverse tinte e texture. L’ambiente lavorativo ne trae quindi doppio beneficio: funzionale ed estetico.

Disposizione dei pannelli fonoassorbenti

Le pareti fonoassorbenti ufficio possono risolvere il problema dei rumori amplificati in diversi modi: si può installare una copertura piena di un’intera parete o corridoio, tramite l’applicazione di moduli affiancati. Oppure, si può decidere di inserire una copertura parziale di una sola fascia di parete: per esempio, all’altezza corrispondente alla seduta delle persone e delle scrivanie: luoghi da cui provengono la maggior parte dei suoni, negli ambienti lavorativi.

In uffici e aree open space o con multipostazione, inoltre, si può anche scegliere di inserire dei pannelli singoli sospesi, appena sopra le posizioni degli operatori.

Spesso si inseriscono pareti fonoassorbenti ufficio come veri e propri elementi facenti parte delle scrivanie: svolgono la funzione principale e, nel contempo, anche quella di semplice elemento divisorio, che definisce gli spazi e tutela la privacy.