Realizzare un testamento olografo è molto semplice, grazie ad esso abbiamo la possibilità di destinare il nostro patrimonio alle persone a noi care. Di seguito troverete una sorta di modello di...

Modello del Testamento Olografo: tutti i Consigli per Redigerlo

Realizzare un testamento olografo è molto semplice, grazie ad esso abbiamo la possibilità di destinare il nostro patrimonio alle persone a noi care. Di seguito troverete una sorta di modello di testamento olografo.

Che cos’è il testamento?

Il testamento olografo è un documento scritto manualmente dal testatore che permette di destinare la quota di patrimonio disponibile a chi si vuole. Il patrimonio è formato da una quota disponibile ed una quota legittima. La quota legittima è la quota che spetta agli eredi ovvero al coniuge e ai figli, in assenza di essi ed in assenza di testamento il patrimonio viene diviso tra i parenti sino al sesto grado di parentela. La quota disponibile invece è la quota che grazie al testamento possiamo destinare a chi vogliamo, a persone ma non solo. Anche le onlus possono essere destinatarie di parte del patrimonio. Ma come fare testamento?

Tipologie di testamento

Il testamento può essere di due tipologie: testamento olografo e il testamento pubblico. Quest’ultimo prevede la presenza di un notaio e di due testimoni. il testamento olografo invece è un testamento che viene redatto manualmente dal soggetto testatore. Non richiede dunque alcun impegno monetario e alcun notaio. Per essere calido deve però seguire determinate condizioni e caratteristiche.

Come deve essere redatto un testamento olografo

Come detto precedentemente, il testamento olografo deve essere redatto manualmente dal testatore, ovvero dalla persona che fa testamento, senza ricorrere all’utilizzo di pc o macchine da scrivere. Di seguito troverete gli elementi che devono essere presenti all’interno di quest’ultimo per essere valido. Il primo luogo dovrà essere presente la data di testamento, ed una frase esplicita che vada ad indicare che il documento presente è un testamento. Il testo deve essere redatto in modo chiaro, in grado di definire in modo preciso a chi va che cosa. In ultimo deve essere presente la firma del testatore. Qualora vogliate conservarlo in più copie è bene non effettuare le fotocopie, ma scrivere manualmente le copie successive. Qualora lo vogliate modificare, dovrete redigere un ulteriore testamento che vada ad annullare quello precedente. Non esiste un’età minima per redigere un testamento, chiunque può redigerlo e può destinare i propri beni a chi desidera. Per scrivere testamento non si deve necessariamente possedere un grande patrimonio. Anche piccoli oggetti possono essere destinati a persone a noi care in nostro ricordo.

Decidere di fare testamento è molto importante in quanto elimina qualsiasi possibilità di eventuali litigi per la suddivisione del nostro patrimonio. Fare testamento è anche un modo per difendere i diritti di coloro che ci sono stati accanto, ma anche per dare qualche briciolo di speranza alle persone meno fortunate. È infatti possibile donare il nostro patrimonio a onlus. Per farlo non servono necessariamente beni immobili o grandi somme di denaro, ma anche semplici quadri, gioielli o altri prodotti possono essere in grado di aiutare i progetti associativi di quest’ultime. Dunque se eravate propensi a scrivere un testamento, non vi rimane altro che seguire questi piccoli suggerimenti per la redazione del vostro testamento, e conservarlo in un luogo sicuro in cui difficilmente verrebbe perso.