Mercato Gaite 2012: visita alle botteghe degli artigiani e scopri i segreti degli antichi mestieri medievale

Mercato delle Gaite 2012: visita alle botteghe degli artigiani

postato da Marta il 11/06/2012
Categoria: Eventi - tags: 2012 + antichi + bevagna + botteghe + gaite + mercato + mestieri + rifacimento + vita medievale
http://www.allwebitaly.it/v/mercato-gaite-bevagna-umbria-eventi

 

Anche quest’anno con il consueto appuntamento del Mercato delle Gaite  Bevagna torna a rivivere la vita quotidiana del Medioevo, non solo una rievocazione storica della vita politica, sociale, amministrativa della cittadina ma anche storia delle tradizioni popolari dell’epoca.
Nei  dieci giorni della manifestazione ci si potrà rituffare nel passato facendo un viaggio alla scoperta dei segreti degli Antichi Mestieri Medievali, le botteghe artigiane delle viuzze del centro verranno riaperte per l’occasione e gli abili artigiani e maestri d’arte sveleranno tutte le loro tecniche e faranno conoscere gli strumenti di lavoro utilizzati per realizzare le loro opere.
Un abile e certosino lavoro per ricostruire i vecchi mestieri come la Cartiera, il Setificio, la Cereria e il Dipintore.
Visite guidate e laboratori permettono al pubblico di ogni fascia d’età di conoscere, sperimentare come si lavorava in epoca medievale.
La Cartiera, è il luogo di produzione della carta bambagina, ottenuta con la polpa degli stracci. La selezione, la macerazione e la riduzione dei tessuti, l’asciugatura, la collatura e la calandratura finale sono le fasi che permettono la creazione del figlio di carta.
La Cereria è l’antico laboratorio dove si producono candele in pura cera d’api: la cera viene sciolta in caldaie di rame per essere poi colata su stoppini di canapa. Lentamente la candela prende forma e attraverso un’abile torsione si ottiene il “duplero”, singolare manufatto caratterizzato da doppia fiamma e doppia durata.
Il Setificio ci fa conoscere il ciclo di produzione della seta, dall’allevamento dei bachi sulle foglie di gelso alla trattura dei bozzoli, fino alla torcitura del fio tramite il “ torcitoio”.
Nella bottega del Dipintore si sperimentano le fasi della tempera su tavola, tecnica di pittura in cui si utilizzano pigmenti in polvere legati insieme da una sostanza proteica di origine animale: il tuorlo d’uovo.