Feidos è pronta a investire nel rilancio industriale e finanziario di Prelios circa 20 milioni di euro.

Secondo il Memorandum of Understanding approvato questa mattina dal Consiglio di Amministrazione di Prelios S.p.A., e subordinato all’approvazione degli azionisti aderenti al patto e dei soggetti finanziatori di Prelios, Feidos 11 - società d’investimento promossa da Feidos, Luca Rovati di RottaPharmMadaus, Famiglia Diaz Della Vittoria Pallavicini, Cornetto Bourlot ed altri investitori - è pronta a investire nel rilancio industriale e finanziario di Prelios circa 20 milioni di euro.

L’operazione, finalizzata a creare una piattaforma europea di servizi immobiliari-finanziari, ha come obiettivo l’innesto in Prelios di investitori industriali ed un team di management di respiro internazionale.

"Prelios - ha dichiarato Alessandra Patera, AD di Feidos, - ha in sé, nonostante la crisi che ha colpito tutto il mercato immobiliare in questi anni, fortissime potenzialità umane ed industriali che devono essere valorizzate al massimo con l’obiettivo di promuovere una strategia di focalizzazione sul mercato dell’erogazione dei servizi evoluti nel quale la Società intende essere leader."

Feidos ritiene che le linee guida del rilancio si fondano sui seguenti elementi:

- mantenimento dei livelli occupazionali e valorizzazione delle risorse umane esistenti,
- forte focalizzazione sul rilancio dei servizi a 360° per patrimoni italiani ed esteri, anche mediante joint venture europee,
- fidelizzazione degli oltre cento investitori istituzionali che sono presenti nei veicoli gestiti,
- pressante lavoro di attrazione di investitori esteri in Italia.

Lo spessore complessivo dei soci storici di Prelios, la vision ed esperienza globale del socio di riferimento Camfin, l’innesto di nuovi soci industriali e finanziari che investono nuova liquidità, sono gli elementi strategici alla base del piano di rilancio della Società.

"Riteniamo che i nostri obiettivi - ha concluso Alessandra Patera - grazie anche ad una nuova struttura organizzativa molto più snella ed efficace, potranno essere raggiunti in circa 4 anni restituendo valore pieno alla società e agli investitori, riportandola, con un modello di business evoluto rispetto al passato, al ruolo di leader europea."

Fonte: http://www.feidos.it