Ville  del Brenta La Riviera del Brenta è un insieme di contrade e di angoli verdi sorti lungo l’antico corso del fiume Naviglio che unisce Padova a Venezia.Questo corso d’acqua ricoprì un ruolo...
villa veneta

Ville  del Brenta

La Riviera del Brenta è un insieme di contrade e di angoli verdi sorti lungo l’antico corso del fiume Naviglio che unisce Padova a Venezia.Questo corso d’acqua ricoprì un ruolo fondamentale per la comunicazione tra il padovano e la laguna di Venezia.
Questo territorio, ricco di cultura e d’incanto, grazie ad architetti prestigiosi quali Scamozzi, Preti, Palladio e altri è diventato culla delle celebri Ville Venete.
Queste ville furono ideate come dimore estive per i nobili veneziani e sono una manifestazione artistica con un valore culturale grandissimo. Per questo sono una delle mete più amate dai turisti interessati a queste vere e proprie opere d’arte.
La villa veneta è una residenza patrizia che veniva realizzata, tra la fine del XV secolo e il XIX secolo in una grande proprietà agricola. Durante questo periodo furono costruite più di cinquemila ville venete, la maggior parte delle quali sono ancora tutelate dall’Istituto Regionale Ville Venete.
La casa dominicale occupava la parte centrale del complesso architettonico ed era la dimora dei proprietari durante la villeggiatura estiva. Per questo era particolarmente decorata.
Nelle vicinanze o collegate alla villa vi erano le abitazioni dei contadini, dove si trovavano le cucine e le stalle.
Alcune compagnie di navigazione propongono piacevoli escursioni, organizzando mini crociere in battello tra le Ville Venete alla scoperta dei tesori più belli della Riviera del Brenta.
Durante questi itinerari si può godere del fascino di queste straordinarie costruzioni.
Tra lagune e laghi questo itinerario è ricco di emozioni tra natura, arte e storia e ripercorre, da Padova fino a Venezia, le antiche rotte fluviali dei burchielli veneziani del 1700.
Il Burchiello era un’imbarcazione di legno che trasportava passeggeri, con un’elegante cabina dotata balconi, ornati finemente lavorati; nel tratto lagunare si spostava sfruttando il vento o i remi, e nel percorso da Fusina a Padova trainato da cavalli.
Questa imbarcazione viene più volte descritta o citata da romanzieri e poeti autorevoli come D’Annunzio, l Goldoni, Casanova, Goethe, Byron…
La fine della navigazione dei burchielli avvenne con la caduta della Repubblica di Venezia, che ebbe luogo nel 1797, quando il patriziato veneziano perse il suo potere.
Questo servizio interroto ha ripreso vita nel 1960 grazie all’iniziativa dell’Ente Provinciale per il Turismo di Padova. Il fine era proprio quello di permettere agli innumerevoli turisti in visita in questa zona di poter godere della splendida visione che offrono queste Ville che sorgono da Padova a Venezia.
Venne utilizzato, per questo scopo, un vaporetto veneziano bianco che prese il nome di Burchiello.
Quel vaporetto, demolito, ha lasciato posto alle imbarcazioni delle tante società di navigazione che attualmente organizzano escursioni da Padova a Venezia e viceversa.

 

Unisci il soggiorno alle terme e la visita delle ville

 

Autore: Mauro Frisoni

 

Fonte: http://www.benessereabanoterme.it/index.php/le-ville-venete#more-320