Le ossessioni e le compulsioni sono i sintomi con le quali si presenta il Disturbo ossessivo compulsivo.

Il disturbo ossessivo compulsivo è una malattia psicologica caratterizzata dalla presenza di ossessioni e compulsioni legate tra loro da un rapporto causa-effetto. La risposta a un ossessivo pensiero negativo è un'azione compulsiva che ha il compito di esorcizzare e placare la sensazione di angoscia. Tuttavia esistono casi di DOC che si presentano con ossessioni pure, senza alcuna compulsione.

Cosa è un'ossessione?

Il Manuale Diagnostico e Statistico dei disturbi mentali (DSM – IV) definisce le ossessioni come pensieri, impulsi e immagini che si manifestano in modo ripetitivo e insistente nella mente del soggetto arrecandogli uno stato di ansia e disagio profondi.

La persona è in grado di riconoscere che i pensieri negativi, gli impulsi sgradevoli e le immagini opprimenti sono solo un prodotto della sua mente. Ciononostante, non è in grado da sola di contrastare questi pensieri all'origine.

La reazione immediata, dunque, è cercare di ignorare o reprimere le ossessioni con un altro pensiero o con un'azione di contro risposta, il che porta alla rimuginazione eccessiva o all'atto compulsivo.

Le ossessioni possono essere di vari tipi e in base alla loro classificazione si distinguono diversi profili di disturbo ossessivo compulsivo. Rimandano a un pericolo avvertito in maniera spropositata dall'individuo e ne invalidano la vita quotidiana.

Ad esempio, l'ossessione del contagio di malattie difficilmente curabili porta al DOC da contaminazione o l'ossessione di aver lasciato qualcosa fuori posto potrebbe evolversi in DOC da ordine e simmetria  o di controllo, attivando dei meccanismi di re-azione compulsiva come il lavarsi le mani, il sistemare tutto secondo schemi geometrici o il revisionare di continuo il proprio operato.

Ma cosa succede quando non si manifestano ossessioni senza alcuna compulsione?

Le ossessioni pure

Quando viene a mancare la componente rituale messa in atto per allontanare le ossessioni, si parla di ossessioni pure. Il soggetto è perseguitato da immagini di situazioni molto improbabili, ma che non riuscirebbe a sopportare qualora si avverassero. Ed è proprio quest'eventuale incapacità di far fronte a una circostanza spiacevole che gli causa un profondo senso di ansia.

Spesso le ossessioni pure sono:

·         a sfondo religioso, con l'ossessione di non saper controllare le bestemmie, gli atti sacrileghi o la paura di pronunciare frasi oscene;

·         a sfondo sessuale, con l'ossessione di diventare pedofili, di essere perversi o di diventare omosessuali;

·         a sfondo sociale, con l'ossessione di fare del male alle altre persone, sia fisicamente, sia sentimentalmente.

Alle ossessioni pure corrisponde spesso un dialogo interiore con cui il soggetto cerca di tranquillizzarsi, trovando sollievo solo fino al manifestarsi di una nuova immagine ossessiva.

Fonte: http://www.apc.it/disturbi-psicologici/ossessioni-e-compulsioni.html