La normativa di riferimento per la sicurezza sul lavoro è il Decreto legislativo 81/2008, detto anche Testo unico per la sicurezza sul lavoro, il quale è stato elaborato in base alle direttive...

La sicurezza sul lavoro

postato da egolemweb il 27/07/2017
Categoria: Lavoro - tags: sicurezza sul lavoro

La normativa di riferimento per la sicurezza sul lavoro è il Decreto legislativo 81/2008, detto anche Testo unico per la sicurezza sul lavoro, il quale è stato elaborato in base alle direttive comunitarie. Il testo elenca tutte le misure generali di tutela del sistema di sicurezza aziendale che vengono integrate dalle misure previste per specifici rischi e settori di attività.

 

Nell'ordinamento italiano per sicurezza sul lavoro si intende l'insieme delle misure preventive da adottare continuamente per rendere sicuri e salubri i luoghi di lavoro, sì da evitare o ridurre l'esposizione dei lavoratori ai rischi connessi.

 

Si verifica quando il luogo di lavoro è dotato degli accorgimenti, degli strumenti e dell'attività di prevenzione che forniscono un ragionevole grado di protezione contro la possibilità del verificarsi di un evento pericoloso per la salute di chi lo svolge.

 

Le misure di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori hanno il fine di migliorare le condizioni di lavoro, ridurre la possibilità di infortuni ai lavoratori, ai collaboratori esterni e a quanti si trovano, anche occasionalmente, all'interno dei luoghi di lavoro. Misure di igiene e tutela della salute devono essere adottate al fine di proteggere il lavoratore da possibili danni alla salute quali gli infortuni e le malattie pericolose, nonché la popolazione generale e l'ambiente.

 

Per ogni settore di attività sono stati elencati di versi obblighi necessari a garantire il massimo livello di sicurezza e di incolumità per i lavoratori. In modo di semplificare la complessa normativa, il legislatore italiano ha strutturato 4 punti principali in cui si muove la normativa:

 

Misure generali di tutela

 

Tra i principi generali ci sono l’adeguata informazione e formazione di lavoratori, dirigenti e preposti attraverso appositi corsi di formazione Milano. Inoltre la programmazione delle misure ritenute opportune per garantire livelli di sicurezza adeguati all’interno dell’azienda stessa.

 

Valutazione dei rischi

 

La valutazione dei rischi deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori. Gli esiti della valutazione devono essere formalizzati nel Documento di valutazione dei rischi.

 

Sorveglianza sanitaria da parte del medico competente

 

La sorveglianza sanitaria viene effettuata dal medico competente nei casi previsti dalla legislazione vigente e per richieste fatte dal lavoratore correlate ai rischi lavorativi. La sorveglianza sanitaria ha il fine di valutare l’idoneità del lavoratore alle mansioni che deve svolgere.

 

Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e Responsabile del servizio di prevenzione e protezione

 

Tra i soggetti responsabili della sicurezza sul lavoro ha un ruolo fondamentale il Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP), il quale è nominato dal datore di lavoro e deve partecipare insieme al medico competente, al datore di lavoro e al Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) all’annuale riunione per la sicurezza in azienda.