Recensione del film La schivata
postato da foscodelnero il 25/03/2011
Categoria: Cinema - tags: attori + attrici + cinema + dvd + film + film drammatico + la schivata + regista + trailer

Recensione del film La schivata

 

 

La schivata è il secondo film di Abdel Kechiche, che recensisco, dopo Cous cous.

Ambo i film hanno riscosso un certo successo in patria, ossia in Francia, col regista che è additato come regista di talento, particolarmente attento alla realtà sociale dei sobborghi e dei ghetti francesi.

Non a caso, se Cous cous era ambientato in un piccolo porto vicino Marsiglia, tra gli immigrati arabi, La schivata è ambientato invece nella periferia-ghetto di Parigi, e in particolare tra gli adolescenti della zona.

Degli adolescenti piuttosto lasciati a se stessi, alle prese con bande di quartiere e litigi sentimentali.

In questo scenario si muovono i due protagonisti della storia, ossia Krimò e Lydia, il primo di ragazzo origine araba e la seconda ragazza francese, i quali movimenteranno la vita loro e dei loro amici-conoscenti...

Forse il maggior pregio de La schivata è la caratterizzazione dei personaggi, netta, per quanto un po' stereotipata (la ragazza fascinosa, il ragazzo timido, l'amico più volitivo, etc), che tuttavia non pareggia la carenza a livello di trama e di dialoghi; soprattutto questi ultimi sono di una sciattezza imbarazzante, e rendono il film spesso sgradevole da seguire.

Da sottolineare che, come in Cous Cous, anche ne La schivata sono i personaggi femminili a risultare più decisivi (nel primo fu Rym-Hafsia Herzi, nel secondo Lydia-Sara Forestier).

Ad ogni modo, globalmente parlando anche questo secondo film di Abdel Kechiche non mi è piaciuto troppo...

 


Fonte della recensione del film La schivata

Fonte: http://foscodelnero.blogspot.com/2011/03/la-schivata-abdel-kechiche-film.html