Le manovre militari, che l’esercito russo esegue congiuntamente con le forze armate della Bielorussia, preoccupano i paesi baltici e quelli già appartenenti al Patto di Varsavia. Mosca e Minsk...
postato da monitoreinter il 14/09/2017
Categoria: Estero - tags: esercitazioni militari + nato + russia

Le manovre militari, che l’esercito russo esegue congiuntamente con le forze armate della Bielorussia, preoccupano i paesi baltici e quelli già appartenenti al Patto di Varsavia. Mosca e Minsk hanno usato un quantitativo di uomini, di poco al di sotto delle 13.000 unità, cifra da cui sarebbero partiti controlli di osservatori, secondo gli accordi internazionali vigenti. La preoccupazione maggiore è che in precedenti casi di queste manovre, i russi hanno poi invaso veramente la Georgia e la parte orientale dell’Ucraina, oltre alla Crimea, trasformando le esercitazioni militari in autentiche prove di forza. Attualmente questa eventualità potrebbe verificarsi in Bielorussia, ma l’atteggiamento di Minsk verso il Cremlino è di grande collaborazione, all’interno di una alleanza molto stretta. Del resto la ragione principale delle offensive militari già citate, era quella di evitare un possibile avvicinamento verso l’Alleanza Atlantica dei territori invasi. Il regime della Bielorussia non ha certo queste intenzioni ed il precedente rifiuto di Minsk dell’installazione sul suo territorio di missili russi, non pare sufficiente ad una possibile invasione. La ragione di queste manovre militari, sembra piuttosto da ricercare nella volontà di dimostrare all’Alleanza Atlantica la propria forza. Non sembra esere secondario anche il fatto che i rapporti tra USA e Russia si mantengano difficili, malgrado il miglioramento che Putin si attendeva con l’elezione di Trump. Nonostante la volontà del nuovo presidente degli Stati Uniti era quella di migliorare i rapporti con Mosca, il Cremlino ha dovuto constatare che gli apparati militari e diplomatici non si sono piegati alla volontà della Casa Bianca ed hanno mantenuto una propria autonomia di giudizio, che resta negativa verso il governo russo. Se per l’Alleanza Atlantica la posizione russa in Ucraina orientale, in Georgia ed in Crimea, costituisce una violazione del diritto internazionale ed una minaccia, per Mosca la presenza dell’Alleanza Atlantica nei paesi che sono appartenuti al Patto di Varsavia e nei paesi baltici, che circondano l’enclave russa di Kaliningrad, è avvertita come una mancanza del rispetto delle rispettive zone di influenza. Anche per questo motivo sarebbe stato scelto il territorio bielorusso come teatro delle manovre, ovvero una sorta di dimostrazione e provocazione diretta contro Bruxelles. Secondo alcune ipotesi, poi, gli effettivi impiegati sarebbero molti di più di quelli dichiarati e ciò potrebbe precludere ad una azione di forza russa. In realtà Mosca parla soltanto di esercitazione con scopo difensivo, per testare la propria reazione in caso di attacco proveniente da occidente. Certamente l’unica possibilità che questa ipotesi si concretizzi è soltanto quella di un attacco dell’Alleanza Atlantica, tuttavia, secondo la maggioranza degli analisti militari, ciò non sarebbe possibile, perchè l’interesse di Bruxelles nella regione è quello di mantenere le posizioni, altro sarebbe se la Russia attaccasse un membro dell’Alleanza Atlantica, in quel caso, come è risaputo scatterebbe la clausola del trattato di adesione, che impone la difesa di ogni stato membro che subisca un attacco militare. Si tratta però di una ipotesi che la Russia non vuole assolutamente che si verifichi, perchè non sembra ancora disporre di una forza  sufficiente per competere con l’Alleanza Atlantica, tuttavi ail Cremlino ha abituato l’opinione pubblica internazionale ad una tattica fatta di provocazioni con il solo scopo di innalzare la tensione ed il senso di instabilità dove queste provocazioni si verificano. Ultimamente i raid che l’aviazione russa ha compiuto sui paesi baltici o sul confine ucraino, hanno provocato un allarme crescente e non solo in queste nazioni, ma anche in Polonia, tanto da sollecitare una maggiore presenza di battaglioni ed armamenti di difesa. L’intenzione di Mosca è stata chiaramente quella di provocare un allarme crescente in alcuni membri dell’Alleanza Atlantica per verificare lo stato d’animo con il quale Bruxelles ha affrontato il problema. Resta da sperare che non accada, durante queste esercitazioni, un incidente non voluto, ma in grado di provocare un peggioramento dei rapporti tra Occidente e Russia.    

Fonte: http://monitoreinternazionale.blogspot.it/2017/09/la-russia-verso-le-manovre-militari.html