Denunciati per il reato di ricettazione un uomo di 56 anni e due donne di 41 e 46 anni. Cercavano di piazzare sul mercato reperti archeologici di grandissimo valore

La polizia romana trova anfore e lanterne in un appartamento della capitale

postato da saramoca il 14/11/2010
Categoria: Attualità - tags: case a roma

Non solo nella profondità del sottosuolo; ora anche le case a Roma celano i propri reperti archeologici. Ovviamente, si tratta soltanto di una boutade per introdurre un fatto di cronaca che è recentemente comparso sulle pagine dei quotidiani della Capitale. A essere coinvolti sono due donne di 41 e 46 anni e un uomo di 56, rei di avere in custodia numerosissimi oggetti antichi, tra cui tre anfore e una lanterna, del valore di 200mila euro. I tre sono attualmente denunciati alla polizia con l’accusa di ricettazione. Una delle due donne fermate è laureata in architettura, quindi competente in materia; l’altra è una guardia penitenziaria.

 

Le due donne hanno confessato di aver ricevuto gli oggetti dall’uomo di 56 anni, di origini siciliane e residente in provincia di Roma. Oltre agli appartamenti delle due, è stata perquisita anche una roulotte campeggiata a Fiumicino e appartenente al siciliano, nella quale sono stati rinvenuti altri reperti archeologici.

A quanto si apprende dalle indagini, non si esclude la presenza di altre persone a capo del gruppo di criminali. Gli accertamenti sono nati da una indagine precedente. Secondo quanto raccontato in conferenza stampa presso il Commissariato Trevi Campo Marzio, i poliziotti sarebbero stati insospettiti, in prima battuta, da un uomo che prendeva appunti, foglio alla mano, all’esterno di un negozio d’antiquariato. Fermato, il sospettato è stato trovato in possesso di numerose foto ritraenti oggetti di valore archeologico che, in base a quanto deposto, gli erano stati proposti in vendita da terze persone. Le tre attualmente denunciate per il reato di ricettazione.