Il graffio di un gatto può essere responsabile di una malattia che prende il nome proprio dalle modalità del contagio: "Malattia da Graffio di Gatto".

la malattia da graffio di gatto e' un infezione che prende i linfonodi

postato da Raffaele Venezia il 04/12/2009
Categoria: Medicina e Salute - tags: gatto + malattia + medicina + salute e benessere
malattia da graffio di gatto

Il graffio di un gatto può essere responsabile di una malattia che prende il nome proprio dalle modalità del contagio: "Malattia da Graffio di Gatto". 

La malattia inizia ovviamente con il graffio (del gatto, ma anche di spine o rovi) spesso inosservato e, dopo qualche giorno (3 -10), può comparire in questa sede una piccola lesione della pelle, che appare solo più rossa o ha l'aspetto di una puntura d'insetto o di una bolla.

Dopo circa due settimane si manifesta il quadro tipico della malattia, caratterizzato da un ingrossamento di uno o più linfonodi regionali. Il bambino non appare "malato" nel senso che le condizioni generali sono buone, a parte il fastidio o il dolore locale.

In alcuni casi possono essere contemporaneamente presenti sintomi generali quali un lieve malessere, una certa debolezza, febbre non elevata e mal di testa.
In altri casi prevale un quadro febbrile senza altri sintomi particolari.

La malattia ha un'evoluzione spontanea verso la guarigione, anche se bisogna aspettare alcune settimane per una riduzione o scomparsa dell'ingrossamento dei linfonodi. La terapia antibiotica nella maggior parte dei casi non è necessaria.